• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Trump, USA mai così forti e rispettati, il meglio deve venire

Lazio > Roma

"Abbiamo raggiunto risultati incredibili, e il nostro Paese è di nuovo rispettato nel mondo": Donald Trump fa il suo discorso sullo stato dell'Unione davanti a un Congresso americano più che mai diviso sul suo impeachment. "Il nostro Paese non è mai stato così forte", ha detto, sottolineando che "in appena tre anni abbiamo sconfitto il declino dell'America". "Io mantengo le mie promesse, come quelle sul commercio con gli accordi con la Cina e quello col Messico e il Canada". Trump ha ricordato quindi gli accordi commerciali raggiunti, il 'muro' con il Messico e gli sforzi per porre fine alle guerre americane nel Medio Oriente.

"Il meglio deve ancora venire", assicura: la conquista di Marte, lotta al terrorismo e al nucleare iraniano. Ad assistere al discorso anche Nigel Farage e Juan Guaidò. Gelo con la speaker Nancy Pelosi, che al termine del discorso ne ha stracciato con disprezzo la sua copia.    

E' ancora nel caos il conteggio dei voti del 'caucus' democratico per le presidenziali Usa 2020 nello Iowa, anche se ci sono già dei primi risultati che vedono in testa, a sorpresa, Pete Buttigieg, seguito da Bernie Sanders. Terza, con un notevole distacco, Elizabeth Warren, mentre l'ex vicepresidente Joe Biden resta ultimo, con un flop su tutta la linea. Il partito democratico dell'Iowa chiede scusa per il pasticcio, causato, dice, da difficoltà tecniche nel conteggio dei voti.

Trump ironizza sui social: "Quando i democratici cominceranno a scaricare la colpa sulla Russia invece di ammettere la loro incompetenza?". "Saremo primi una volta che tutti i voti saranno stati conteggiati", promette intanto Sanders.