Ue, Junker evita le sanzioni all'Italia ma c'è l'obbligo di rispettare gli impegni presi

16
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BRUXELLES, 28 NOVEMBRE 2014 – Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Junck...

 BRUXELLES, 28 NOVEMBRE 2014 – Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha annunciato che non arriverà nessuna sanzione per i 7 Paesi che violano il Patto, tra questi ci sono anche l’Italia, la Francia e la Spagna.

"La nostra sarà una analisi approfondita e per nulla compiacente. Per alcuni Paesi saranno necessari sforzi supplementari. Ma un conto è dire chiaramente come e perché non si rispettano gli impegni del Patto, un altro è punire con sanzioni e procedure. Del resto da Italia, Francia e Belgio abbiamo ricevuto lettere con impegni precisi e circostanziati", ha spiegato il presidente.

“Se sei presidente della Commissione europea, devi saper ascoltare i Paesi e i loro governi. Devi capire che cosa sta succedendo anche nella politica interna di ciascuno stato membro – ha continuato - Ho fatto la scelta di non sanzionare. Sarebbe stato facile punire i Paesi che non rispettano le regole del Patto: bastava applicare le procedure previste. Ma io ho scelto di lasciarli parlare. E di ascoltare”.

La manovra che l’Italia ha presentato alla Commissione, in cui si è presentato il bilancio e le precisazioni sugli interventi strutturali, è stata esaminata dai tecnici di Bruxelles che l’hanno approvata senza raccomandazioni e quindi adesso può andare in Parlamento. I tecnici però prevedono che ci possa essere “il rischio di una significativa deviazione”, per cui l’Italia non può permettersi di abbassare mai la guardia.

(foto dal sito www.si24.it)

Michela Franzone

InfoOggi.it Il diritto di sapere