Una docente lametina vince ricorso avverso ad un provvedimento illegittimo - InfoOggi.it

Breaking News
  • Uccisero tabaccaio durante rapina ad Asti, 5 arresti
  • Firenze: albero si abbatte su bus turistico, diversi i feriti
  • Nuovo Governo: M5S e Lega hanno indicato il nome di Conte al Presidente Mattarella
  • Processo "Mondo di Mezzo": venti rinvii a giudizio ed una condanna
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Una docente lametina vince ricorso avverso ad un provvedimento illegittimo

Una docente lametina vince ricorso avverso ad un provvedimento illegittimo
0 commenti, , articolo di , in Cultura e Spettacolo

LAMEZIA TERME (CZ) 22 APRILE - Una docente e avvocato di Lamezia Terme, in servizio presso l’ Istituto Professionale “ L.Einaudi” di Lamezia Terme, ha vinto il ricorso presentato al giudice del lavoro, territorialmente competente,e avverso ad un provvedimento illegittimo di assegnazione di cattedre adottato dalla dirigente scolastica dell’istituto.  



La docente , fortemente lesa nei suoi diritti, è stata costretta ad adire il giudice chiedendo un provvedimento d’urgenza , ex articolo 700 del Codice Procedura Civile in quanto la dirigente scolastica le ha assegnato 8 classi con un orario distribuito tra diurno e serale, inizialmente con 10 ore di intervallo, dette comunemente buca, mentre agli altri docenti ha assegnato 3-4 classi fino ad un massimo di 6. La procedura di distribuzione della classi è stata fatta in maniera iniqua e illegittima in quanto la dirigente scolastica non ha ascoltato alcuna proposta da parte del Collegio dei Docenti e né lo ha interpellato, come in questi casi impone la normativa, ma lo ha informato semplicemente sui criteri di assegnazione delle classi dopo l’emissione del provvedimento. Decisione, palesemente assunta nella forma, in totale spregio della normativa e delle prerogative riservate in materia al Collegio Docenti anche all’indomani dell’entrata in vigore della legge 107/15, e, nella sostanza, in maniera assolutamente sperequata tra gli insegnanti della medesima disciplina. Anche questa legge, nonostante le criticità riscontrate in passato dai “Partigiani della scuola pubblica” non contempla che un dirigente scolastico possa ritenersi in materia scolastica sovrano assoluto e né legibus solutus ( libero dalle leggi).

Pertanto il giudice con ordinanza del 17.04. 18 ha accolto in toto le doglianze della docente , disponendo la sospensione del provvedimento impugnato e condannando l’Amministrazione alle spese e competenze di lite. Anche la condanna alle spese – per i “Partigiani della scuola pubblica” - è un evento meritevole di attenzione in quanto i giudici, in genere, stentano ad applicare, nei confronti dell’amministrazione Pubblica, il criterio per cui «le spese seguono la soccombenza». Inutili sono stati i tentativi della docente di ricorrere ai rimedi estremi cercando di ottenere, prima del ricorso, risposte , formalmente e informalmente, sui criteri imposti dalla dirigente scolastica. Alla luce dell’accaduto rimangono ancora misteriosi i veri motivi che hanno indotto la dirigente scolastica a riservare alla docente un simile trattamento che pare proiettarsi in un contesto di vero e proprio mobbing e suscettibile di adeguati approfondamenti. I “Partigiani della scuola pubblica”, particolarmente sensibili ai problemi della scuola e alle ingiustizie perpetrate ai danni di docenti, studenti e dell’intero personale della scuola italiana, sentono il dovere di rendere noti fatti lesivi della legalità e della dignità dei lavoratori con le relative sentenze appellandosi alla giustezza dell’esercizio dell’articolo 21 della Costituzione.

Lina Latelli Nucifero

 

La fotogallery

Einaudi Lamezia TWERME (CZ)
Partigiani scuola pubblica
Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image