• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Una vita spesa per la scuola

Calabria

RENDE (CS)- Festeggiata da colleghi, genitori e soprattutto dai suoi amatissimi alunni che avrebbero voluto tenerla ancora con loro, la “Maestra Anna” lascia l’insegnamento dopo 38 anni di servizio, 17 dei quali trascorsi ad insegnare Italiano nella Scuola Primaria di Quattromiglia, 2° Circolo Didattico di Rende diretto da Geniale Pucci prima, che l’ha accolta con fiducia ed entusiasmo sulla base della reputazione che la precedeva dopo l’esperienza nella campagna di Acri, dove negli anni ottanta si è dimostrata un punto di riferimento per l’intera comunità e dove ancora ne ricordano l’attaccamento e l’amore per la scuola, impegno primario e possibilità di riscatto sociale nell’attenzione e nello sforzo congiunto di genitori ed insegnanti che in una sola aula riunivano e formavano bambini dalla prima alla quinta contribuendo alla formazione di quelli che oggi sono accreditati professionisti figli di fieri contadini, e da Salvatore De Ruggiero poi, l’attuale stimatissimo Dirigente Scolastico. [MORE]
Va in pensione una donna che è diventata una vera istituzione all’interno della scuola per la velocità con cui i suoi alunni imparano a leggere e scrivere e per la qualità dei loro elaborati che negli anni più volte sono stati premiati in concorsi letterari per le scuole elementari, la “Maestra Anna” poi è conosciuta e stimata oltre che dai colleghi e dirigenti scolastici anche dai genitori dei suoi alunni che collaborano ancora con lei per progetti extrascolastici e dai professori delle Scuole Medie che riconoscono immediatamente i suoi alunni, tra i pochi a non soffrire il passaggio all’indirizzo superiore per maturità e competenze.
Una bambina che voleva diventare Maestra è stata una Maestra che ha speso la vita per i suoi alunni, è un vero peccato non poter più contare su elementi di questa qualità all’interno dell’Istituzione Scuola ma ci auguriamo possa, mediante nuove formule, spendere altrettanto bene gli anni della meritatissima pensione magari ancora al servizio dei bambini