Valeria Solesin: arrivata in Italia la salma, martedì i funerali in piazza San Marco

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
VENEZIA, 22 NOVEMBRE 2015 - La salma di Valeria Solesin, la giovane italiana morta durante l&...

 VENEZIA, 22 NOVEMBRE 2015 - La salma di Valeria Solesin, la giovane italiana morta durante l’attentato jihadista al Bataclan di Parigi, è arrivata ieri in Italia. Dalle 10 di questa mattina sarà esposta nella camera ardente, per coloro che vorranno dare un ultimo saluto alla giovane vittima. Il feretro della 28enne studentessa della Sorbona, rimarrà esposto nell'androne del municipio a Ca' Farsetti, sede del Comune di Venezia fino a domani alle ore 19.

I funerali laici invece saranno celebrati martedì alle 11 nella piazza principale della città in cui Valeria ha vissuto ed è cresciuta, prima di trasferirsi a Parigi quattro anni fa. Saranno funerali di Stato e blindati: parteciperà il capo dello Stato Sergio Mattarella, atteso anche il premier Matteo Renzi. Imponente il dispositivo di sicurezza, sul campo quattrocento agenti. Il giorno dei funerali sarà proclamato anche il lutto cittadino.

La salma è rientrata a Venezia ieri, a bordo di un aereo di Stato sul quale hanno viaggiato anche i genitori della ragazza, Alberto e Luciana, il fidanzato Andrea Ravagnani e la sorella di questo, Chiara, scampati miracolosamente al massacro degli jihadisti. “Valeria era una persona, una cittadina e una studiosa meravigliosa – ha detto la mamma sconfiggendo la riservatezza di questi giorni - ci mancherà molto e credo, visto il percorso che stava facendo, che mancherà anche al nostro Paese per le doti che aveva”. “Non è rabbia. E non deve essere paura – ha detto il fratello Dario - Valeria non ci perdonerebbe mai”.

Il comune di Venezia ha deciso di dedicare una giornata di studio in nome di Valeria Solesin: "L’esecutivo – ha spiegato Giovanni Andrea Martini – ha deciso di dedicare nel mese di dicembre una giornata di studio alla memoria di Valeria Solesin".

(foto dal sito www.comune.venezia.it)

Michela Franzone

InfoOggi.it Il diritto di sapere