Armati assaltano l'ufficio postale di Morciano di Leuca (LE) e fuggono a bordo di un'auto

104
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LECCE, 1 SETTEMBRE – Questa mattina nell’ufficio postale di Morciano di Leuca, affollato...

LECCE, 1 SETTEMBRE – Questa mattina nell’ufficio postale di Morciano di Leuca, affollato già dall’apertura, vista la giornata di pagamento delle pensioni, è stata messa a segno l’ennesima rapina ai danni di Poste Italiane nel Salento.

Potevano essere circa le 9.45 quando due individui con volto coperto da passamontagna, di cui uno armato di fucile a canne mozze, hanno fatto irruzione nell’ufficio postale di Morciano di Leuca, in via Giuseppe Verdi e, minacciando il personale con l’arma, si sono fatti consegnare il denaro di cassa.
Fortunatamente nessuno dei presenti, eccetto i momenti di grande paura ha subito danni.

Al termine della rapina, una volta arraffato il bottino, i malavitosi, sono fuggiti facendo perdere le proprie tracce a bordo di una Renault Capture, (risultata rubata) guidata da un complice che faceva da palo.

Un bottino che avrà sicuramente deluso le aspettative del sodalizio criminoso, che si attendeva sostanzioso, considerato che si tratta del primo giorno del mese in cui vengono pagate le pensioni, ma che in realtà si è aggirato intorno ai mille euro.

Sul posto, sono intervenuti i poliziotti del Commissariato di Taurisano in supporto ai carabinieri della stazione di Salve e al Norm della compagnia di Tricase, che hanno immediatamente dato avvio alle procedure protoccollari previste.

I militari dell’arma e i poliziotti, hanno nel frattempo acquisito tutti gli elementi utili per risalire all’identità dei delinquenti, provvedendo tra l’altro ad acquisire le immagini dei sistemi di video-sorveglianza sia dell’ interno che dell’esterno dell’edificio postale.

Da una prima analisi, gli inquirenti hanno riscontrato che i rapinatori avevano il volto travisato, e uno dei due indossava una tuta molto appariscente.
Nella zona sono stati approntati alcuni posti blocco.

Luigi Palumbo

InfoOggi.it Il diritto di sapere