• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Ave Maria: Santa Maria, Madre di Dio

Lazio

L'articolo è tratto dal libro "Un pensiero a Maria. Preghiere mariane" (Tau editrice) di Don Francesco Cristofaro. Si può acquistare il testo in tutte le librerie o sul sito www.taueditrice.com

[MORE]
Santa Maria, Madre di Dio

Qui inizia la seconda parte della preghiera. Nella prima parte dell’“Ave Maria”, abbiamo contemplato le parole che l’Arcangelo Gabriele e Santa Elisabetta hanno rivolto alla Vergine Maria. Nella seconda parte ascolteremo la preghiera e il grido della Chiesa, che si innalza da ogni parte del mondo, da ogni figlio di Dio, figlio della Chiesa, figlio della Madre Santa, verso Colei che è la “Piena di Grazia e la Benedetta fra le donne”.

La Vergine Maria è Santa. Non si tratta però di una santità comune, ordinaria, uguale a quella di tutti gli altri santi del Cielo. Ella, in santità supera tutte le luci messe assieme della santità umana. Ella è Santissima. Non è questo puro devozionalismo ma è ribadire che Dio le ha dato la sua stessa luce. L’ha ammantata di sé. Questo è il mistero che la Madre di Gesù vive nel Cielo per l’eternità beata. Ella è Regina nella sua luce di tutte le luci che vi sono nel cielo e che vi saranno.

Questa unicità deve essere confessata e proclamata, altrimenti si fa della Vergine Maria una santa più eccellente o più grande delle altre. La Vergine Maria è Madre di Dio. Ella è vera Madre di Dio, perché da Lei è nato il Verbo della vita, il Figlio Unigenito del Padre.

Riflettiamo insieme…

Come unica è la santità della Vergine Maria, così unica è anche la sua maternità. Nessun’altra donna al mondo potrà mai avere questo onore di essere la Madre del suo Signore, del suo Dio.
Queste sono le gradi cose che il Signore ha fatto per la Vergine Maria: l’ha resa grande, l’ha elevata sopra i cori degli Angeli, Regina del Cielo e della terra. L’Ha fatta sua vera Madre, sua vera Genitrice. Gesù è vero Figlio di Maria.
Questa Donna noi preghiamo. A Lei ora la Chiesa si rivolge. Lei invoca. A lei chiede una particolare assistenza.
Vi lascio con alcune domande per la vostra meditazione personale:
1.Quando noi preghiamo l’Ave Maria pensiamo a questo grande mistero?
2. Pensiamo così la Madre di Dio?
3. Quanto amore abbiamo per la Santissima Madre di Dio?

Preghiamo insieme…

Santa Maria, Madre di Dio, vieni in nostro aiuto. Insegnaci ad amarti, insegnaci a pregarti, insegnaci a imitarti. Aiutaci ad essere santi. Aiutaci ad essere secondo il cuore del tuo amabilissimo Figlio Gesù.
Donaci un cuore umile, puro e limpido come acqua di sorgente.
Ottienimi un cuore semplice
che non si ripieghi ad assaporare le proprie tristezze:
un cuore magnanimo nel donarsi,
facile alla compassione;
un cuore fedele e generoso,
che non dimentichi alcun bene
e non serbi rancore di alcun male.
Amen.

Recita l’Ave Maria.

Don Francesco Cristofaro