• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Calabria: incontro Amalia Bruni con Confagricoltura

Calabria > Catanzaro

Calabria: incontro Amalia Bruni con Confagricoltura. Candidata presidenza Regione, agroalimentare é asset importante.
LAMEZIA TERME, 20 SET -
"Amalia Bruni, candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Calabria, ha incontrato stamattina dirigenti e imprenditori della Confagricoltura regionale nella sede della confederazione a Lamezia Terme. Lo riferisce un comunicato in cui si afferma che "é stata un'occasione per ascoltare i problemi e le aspettative del mondo agroalimentare rappresentato da Confagricoltura.

Tra i temi affrontati dal presidente regionale Alberto Statti, le difficoltà dovute alla pandemia, la ricerca di una maggiore competitività e naturalmente quello più delicato dell'indebitamento delle aziende agricole e dell'erogazione del credito". "Il comparto agroalimentare regionale - ha detto Amalia Bruni - é un asset importante per lo sviluppo delle nostre terre. Abbiamo prodotti unici e di grande qualità e dobbiamo sfruttarli al meglio, ma occorre snellire la burocrazia che spesso se non sempre diventa un impedimento alla crescita delle imprese e soprattutto dobbiamo consentire a chi vuole venire in Calabria di poterlo fare percorrendo strade sicure e agevoli.

L'agricoltura calabrese rappresenta un vero e proprio tesoro di biodiversità, di qualità e di ricchezza e per questo dobbiamo capire le esigenze e fornire strumenti e aiuti giusti soprattutto in tempi celeri. Il presidente Statti ricordava che nella regione ci sono oltre 120 mila recettori di aiuti a vario titolo, ma solo 24 mila utilizzano manodopera ed è un dato su cui riflettere.

Come ho già avuto modo di dire, sono molto preoccupata per la questione del credito. Temo che se non si riuscirà a trovare una soluzione mettendo in campo altre risorse e dilazionando i debiti, alcune di queste aziende finiranno con diventare facili prede della criminalità organizzata. Dobbiamo aprire un tavolo mettendo in campo tutti gli strumenti che già ci sono, aggiungendone altri se occorre, e preparare un piano strategico che metta a sistema un comparto dalle potenzialità enormi".