Champions League, Juventus-Monaco 2-1. Mandzukic e Dani Alves portano i bianconeri in finale

59
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 9 MAGGIO - La Juventus è la prima finalista di Champions League. La squadra di A...

TORINO, 9 MAGGIO - La Juventus è la prima finalista di Champions League. La squadra di Allegri batte il Monaco anche nella semifinale di ritorno e ora sogna il triplete. Partita complicata per i bianconeri, che nonostante il doppio vantaggio dell’andata rischiano di andare sotto dopo pochi minuti; Mbappé si avventa su un pallone alto e prende il palo con Buffon fuori dai pali ma l'arbitro ferma tutto per fuorigioco.

Al 9’ brutte notizie per Allegri, che deve sostituire Khedira, vittima di un problema muscolare, e al suo posto il tecnico livornese inserisce Marchisio. La Juventus non si scompone nonostante la pressione nei monegaschi e va vicina al vantaggio due occasioni con Higuain e Mandzukic, ma prima l’imprecisione dell’attaccante argentino e poi una grande risposta di Subasic lasciano il risultato invariato. Al 28’ tocca anche a Pjanic, che si incunea in area su assist di Dybala ma rallenta troppo e il suo tiro viene rimpallato da un difensore.

Cinque minuti dopo però arriva il vantaggio della Juve: palla sulla destra per Dani Alves, che pennella uno splendido cross sulla testa di Mandzukic; l’attaccante croato ci prova prima di testa, ma ancora una volta trova la risposta di un grande Subasic, ma si avventa sulla palla e realizza l’1-0 facendo esplodere di gioia lo Juventus Stadium. A questo punto la squadra di Jardim è al tappeto e i padroni di casa raddoppiano sul finire del primo tempo. Calcio d’angolo di Pjanic, la palla finisce sui piedi di Dani Alves che senza pensarci al volo e ipoteca la qualificazione in finale.

Nella ripresa, con il risultato non in discussione, Allegri richiama Dybala e inserisce Cuadrado, che dopo pochi secondi ha la palla del 3-0 ma aspetta troppo e si fa rimontare da Jamerson. Bianconeri che provano ad addormentare il gioco con il possesso palla ma staccano troppo presto la spina e consentono a Mbappè di sfiorare la rete dell’1-2 al 67; Buffon è attento e in uscita riesce a deviare in angolo. Passano solo due minuti e il talento francese riesce a battere il numero uno bianconero: difesa bianconera distratta sul calcio d’angolo battuto in fretta da Moutinho, che serve una palla perfetta a Mbappé che non può proprio sbagliare.

Il match diventa molto teso con qualche fallo di troppo da una parte e dall’altra. La Juventus però non perde la calma e porta a casa una finale meritata in attesa di sapere chi tra Real Madrid e Atletico sarà l’avversaria di Cardiff. Bianconeri alla seconda finale in tre anni dopo la sconfitta di Berlino contro il Barcellona, che ha lasciato l’amaro in bocca ma tanta voglia di rifarsi.

 

Giuseppe Sanzi

(fonte immagine hindustantimes.com)

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere