• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Focolai Rsa sotto osservazione, pm Torino indagano. A Susa 106 positivi

Piemonte > Torino

Focolai Rsa sotto osservazione, pm Torino indagano. A Susa 106 positivi. Casi in tutta Italia, da Lombardia a Molise
TORINO, 29 OTT - Quello che era stato uno degli aspetti più critici dei primi, duri mesi dell'emergenza Coronavirus, il dramma delle Rsa sembra riproporsi con prepotenza anche in questa seconda fase della pandemia, anche se al momento con conseguenze meno gravi per le condizioni degli anziani ospiti. E' di oggi la notizia dell'apertura di un'inchiesta della procura di Torino, per ora un fascicolo senza ipotesi di reato, per il caso della Rsa 'San Giacomo' di Susa dove si è registrato un rapido aumento del numero di contagi, 106 a fronte dei 40 di pochi giorni fa.

Si tratta di 81 anziani e 25 membri del personale, molti dei quali asintomatici, la cui positività è stata segnalata alla procura dai carabinieri. Il fascicolo sulla Rsa valsusina si aggiunge ai molti altri dei quali la magistratura torinese si sta occupando. Più di una trentina quelli aperti, per lo più dopo segnalazioni e denunce, in relazione a diversi aspetti legati all'emergenza sanitaria in corso. La maggior parte sono senza ipotesi di reato, ma non mancano quelli che ipotizzano, al momento senza indagati, l'omicidio colposo. Oltre una ventina, invece, quelli seguiti dai magistrati di Ivrea, secondo procura della provincia di Torino.

Quello di Susa è soltanto l'ultimo di una serie di casi di Rsa tornate al centro dell'emergenza Covid, tanto che oggi il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, ha sollecitato l'utilizzo di test salivari rapidi per chiunque entra in queste strutture. Fra i casi segnalati oggi quello della Residenza per anziani 'Samnium' di Vinchiaturo (Campobasso), dove almeno 20 tra ospiti e operatori sono risultati positivi, tutti asintomatici, a fronte dei quali il sindaco Luigi Valente ha emesso un'ordinanza cautelativa con il divieto di accesso e uscita dalla Rsa. Sempre oggi il commissario regionale per l'emergenza in Umbria, Antonio Onnis, ha riferito che sono 159 gli ospiti delle residenze per anziani presenti sul territorio contagiati dal Covid. A questi si aggiungono 69 tra Oss e altro personale, 3 infermieri e 2 medici.

In Toscana, invece, mentre l'Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia ha chiesto alla Regione un tavolo tecnico per risolvere "il problema della carenza di personale di assistenza, in particolare nelle Rsa e nelle Rsd", il Nursind regionale denuncia "oltre 500 operatori del sistema sanitario toscano contagiati dal Covid19 nel solo mese di ottobre, focolai inimmaginabili nelle Rsa e carenza di personale".