I sentieri fiorentini dei Partigiani, occasione di riflessione e sano movimento

Condividi Tweet Pin it

FIRENZE, 14 MAGGIO 2018 - “Conversazioni e itinerari a piedi e in bicicletta sull'Anello del Rinascimento, nei parchi urbani e sui sentieri partigiani”. Legambiente di Firenze ha ideato vari appuntamenti on tre road contraddistinti da questo titolo, che andranno avanti fino ai primi di giugno. Si rifletterà su tematiche ambientali e sociali e nel contempo si faranno quattro ( e più…) passi nella natura.

Tra i vari appuntamenti, merita di essere segnalato quello denominato “Sui sentieri dei Partigiani” sul monte Giovi, con partenza alle 9,30 dalla stazione ferroviaria di Vicchio, non lontana dal capoluogo toscano. A condurre l'escursione sarà l'esperta ed appassionata guida escursionistica ambientale Pierluigi Cosola. Gli spunti di riflessione non mancheranno. Infatti, non pochi dei sentieri che oggi sono battuti in maniera rilassata dagli escursionisti, sono vie che hanno visto le vicende legate alla Resistenza partigiana. Il Monte Giovi è un luogo della memoria per eccellenza. La “passeggiata” durerà circa sei ore, con partenza dalla stazione ferroviaria di Vicchio, ed è a partecipazione gratuita (1 euro andrà pagato sul posto per la copertura assicurativa).

Certo, i Partigiani non avevano l’opportunità di fermarsi a riflettere sulla bellezza e serenità dei luoghi circostanti, come avverrà il prossimo 3 giugno. Erano però armati da quegli ideali di libertà. Ideali che li rendevano dei fantastici camminatori, il che è un valore aggiunto al giorno d’oggi che si è ritornati ad apprezzare il muoversi a piedi. La memoria passa anche per i piedi, talvolta.

TESTO E FOTO DI RAFFAELE BASILE 
.