In Art - Mi è scesa una nuvola... al MAN

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
NUORO, 8 FEBBRAIO 2015 – L’appuntamento con l’arte contemporanea al Museo d’...

NUORO, 8 FEBBRAIO 2015 – L’appuntamento con l’arte contemporanea al Museo d’Arte Provincia di Nuoro (MAN) - via Sebastiano Satta, 27 - si rinnova nel 2015 con tre progetti espositivi inediti, “Mi è scesa una nuvola”, “Canto di strada” e “Civil Servants”, inaugurati venerdì 6 febbraio - visitabili fino al prossimo 5 aprile.

Al centro della ricerca artistica, le questioni ambientali, le tematiche del paesaggio, della distanza, del rapporto tra uomo e ambiente, declinate nei linguaggi della fotografia e delle installazioni, come esperienze personali o di gruppo, visive e/o concettuali.

«La dimensione della distanza fra i luoghi, l'attraversamento fisico e mentale in essi, veri o immaginari che siano, sono una costante» della produzione di Antonio Rovaldi (Parma, 1975), presente al MAN con “Mi è scesa una nuvola” (parte del progetto Orizzonte in Italia). La mostra, attraverso un'installazione fotografica site-specific (di 20 elementi), ripercorre le tappe del viaggio in bicicletta compiuto dall’artista in Sardegna, immagini che dialogano con un tappeto sonoro suggestivo, scandito dalle voci degli abitanti dei luoghi visitati, contribuendo così a creare una sorta di «mappatura orale del territorio».

“Canto di strada”, doppia personale curata da Lorenzo Giusti, associa invece per la prima volta i lavori di Hamish Fulton (Londra, 1946) e Michael Höpfner (Krems, 1972), illustri esponenti del movimento internazionale di “artisti camminatori”, fondato da Richard Long insieme allo stesso Fulton: le montagne del Supramonte e del Gennargentu diventano qui «terreno comune di confronto», racconto di strada, alimentato da installazioni, fotografie e wall drawings, coefficienti di riflessione sul ruolo dell’arte.

«Gli effetti dell’occupazione e dello sfruttamento del suolo ad opera di poli industriali che hanno caratterizzato la cosiddetta “rinascita industriale sarda” negli anni Sessanta e Settanta», sono raccontati dagli artisti coinvolti nella rassegna “Civil Servants”, a cura di Micaela Deiana, che già dal titolo rinvia all’impegno sociale e all’attivismo artistico orientato al bene comune. In mostra Leonardo Boscani (Sassari, 1961), Elenora Di Marino (Porto Torres, 1976), Pasquale Bassu (Nuoro, 1979) e Riccardo Fadda (Carbonia, 1990).

 

 

Domenico Carelli


(Fonte e Foto: courtesy MAN
In evidenza, detail, Hamish Fulton, canto di strada 2014/2015; in gallery, Hamish Fulton, canto di strada 2014/2015; Michael Höpfner, canto di strada, site (day 3), 90 x 110 cm, 2014/15; Civil Servants; A. Rovaldi Mi e scesa una nuvola)

InfoOggi.it Il diritto di sapere