Intervista a Claudio Bondatti, modello e attore de L'Onore e il Rispetto 4

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 18 OTTOBRE 2014 – Si chiama Claudio Bondatti uno dei nuovi volti dell’attesissima ...

ROMA, 18 OTTOBRE 2014 – Si chiama Claudio Bondatti uno dei nuovi volti dell’attesissima quarta stagione de L’Onore e il Rispetto, l’amata serie televisiva di Canale 5, trasmessa per la prima volta sugli schermi italiani nel 2006.

Claudio Bondatti, classe 1981 e originario di Ferentino, in provincia di Frosinone, ha iniziato la sua carriera come modello in giovanissima età e si è aggiudicato, nel 2013, l’ambita fascia di Mister Bello d’Italia, oltre al titolo di Mister Cinema e Mister Spettacolo. Dopo aver solcato le passerelle italiane, ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo della recitazione ed è, al momento, uno fra i più promettenti attori emergenti italiani.

Nell’attesa dell’uscita della nuova stagione de L’onore e il Rispetto, InfoOggi ha intervistato per i suoi lettori l’attore di origini ciociare.

Tu sei un attore, ma hai iniziato come modello. Com’è nata la passione per la moda e quando hai deciso di voler entrare nel mondo delle passerelle?
La passione per la moda è nata quando avevo diciassette anni. E’ stato a quell’età, quando inizi a cambiare e a vestire in maniera diversa rispetto a quando sei bambino, che ho deciso di provare questa nuova esperienza. Mi è piaciuta tantissimo e sono stato preso da alcuni atelier e boutique della mia provincia d’origine, la provincia di Frosinone. Successivamente, ho seguito un corso di portamento e ho iniziato a sfilare sulle passerelle italiane. Colgo l’occasione per ringraziare il mio personal stylist, Giovanni Paris, che mi segue sempre con grande cura e professionalità.



E dalle passerelle sei poi approdato ai set. Quando hai deciso di entrare nel mondo della recitazione e perché?

Ho iniziato nel 2000, facendo delle figurazioni teatrali storiche. L’esperienza mi è piaciuta e questo avvicinamento al mondo della recitazione e del teatro mi ha portato ad interpretare un ruolo particolare, un ruolo che mi ha cambiato interiormente e che è stato fondamentale nella mia vita: quello di Cristo nella rappresentazione teatrale de La Passione Vivente. Da lì, ho seguito dei corsi di recitazione e dei corsi di dizione e sono andato avanti fino ad approdare al mondo delle fitcion. La fiction a cui ho preso parte è L’Onore e il Rispetto 4, la mia prima esperienza professionale, che mi ha poi dato la possibilità di fare un altro provino e di entrare a far parte del cast di un’altra fiction, molto importante e della stessa produzione, della quale ancora non posso rivelare nulla.

Sei passato dalla passerelle ai set. Hai mai considerato la possibilità di ritrovarti, in un futuro, anche dietro la macchina da presa? Tanti giovani attori si sono cimentati anche nella regia e nella sceneggiatura, hai mai pensato di farlo anche tu?
Per il momento, no. Adesso sto vivendo un’esperienza nuova: stare davanti la camera da presa è già un’esperienza diversa dal teatro, perché il teatro è immediato, è un contatto diretto con il pubblico; quello che accade davanti la telecamera viene invece trasmesso in un secondo momento. Sono un attore emergente e, per il momento, vorrei concentrarmi su questo: a me la recitazione piace tantissimo, mi piace fare l’attore così come mi è piaciuto fare il modello, quindi, per adesso, sono concentrato sulla recitazione.

Quali sono gli attori italiani e stranieri, sia del passato che del presente, che ti hanno maggiormente influenzato?
Essendo un ciociaro, non posso che dire Vittorio De Sica, che per me è stato un grande artista, così come Mastroianni e Nino Manfredi. Mentre, per quanto riguarda gli attori stranieri, direi Marlon Brando, che è stato a mio parere un attore bravissimo.

Che consiglio daresti ai giovani desiderosi di entrare nel mondo della moda e a quelli che vorrebbero invece far parte di quello della recitazione?
Un consiglio fondamentale: avere, prima di tutto, tanta umiltà. Poi bisogna studiare: studiare portamento, studiare recitazione. Studiare, per me, è stata una cosa fondamentale. E’ un mondo difficile ma, se riesci a farti valere, riuscirai comunque a realizzare i tuoi sogni in questo ambito.

(Immagine: particolare di una foto realizzata da Photo Art di Novo Luciano)

Elisa Lepone

InfoOggi.it Il diritto di sapere