Istat, giù fiducia di consumatori e imprese a dicembre - InfoOggi.it

Breaking News
  • Lecce, incendio in abitazione: muore donna disabile
  • New Orleans, auto su folla durante parata: circa 30 feriti
  • Renzi e Jobs Act: "Ora serve lavoro di cittadinanza"
  • Serie A: inarrestabile la Juve, tonfo del Napoli in casa. Ecco le partite di oggi
  • Crollo palazzina. tragedia a Catania: BiIancio una vittima e 4 feriti. Medici, bimba 10 mesi in coma
  • Germania, auto contro la folla in un'area pedonale: tre feriti. Assalitore fermato dalla polizia
  • Papa Francesco ai parroci: "Vicini a quei giovani che preferiscono convivere senza sposarsi"
  • Roma, trovato accordo per la costruzione dello stadio: via le torri e dimezzate le cubature
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Istat, giù fiducia di consumatori e imprese a dicembre

Istat, giù fiducia di consumatori e imprese a dicembre
0 commenti, , articolo di , in Economia

ROMA, 29 DICEMBRE 2015 – Secondo l’Istituto nazionale di statistica nel mese di dicembre 2015 scende l’indice del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese italiane; tuttavia, «nonostante la flessione, entrambi gli indici si mantengono sui livelli elevati registrati nei mesi precedenti».

In ordine ai consumatori, l’indice del clima di fiducia è diminuito a dicembre 2015 «a 117,6 da 118,4 del mese precedente»; nel dettaglio, spiegano gli analisti, «il calo risulta maggiore per le componenti economica e corrente che passano, rispettivamente, a 152,9 da 157,9 e a 109,1 da 111,6; la differenza è invece più contenuta per la componente personale (a 104,5 da 105,0) e quella futura (a 127,3 da 128,0)».

Quanto alle imprese, «il clima di fiducia sale nei servizi di mercato (a 114,3 da 113,8), mentre scende nelle costruzioni (a 114,8 da 121,4), nel commercio al dettaglio (a 109,1 da 115,0) e, anche se più lievemente, nella manifattura (a 104,1 da 104,4)».

Sul piano delle attese e dei giudizi relativi alla situazione economica attuale, «peggiorano le stime» su entrambi i fronti, «(a -24 da -20 e a 25 da 31 i rispettivi saldi). Per i giudizi sui prezzi nei passati 12 mesi il saldo aumenta a -16 da -19. Quanto alle attese sui prezzi nei prossimi 12 mesi, il saldo passa a -11 da -20. Aumenta il saldo delle attese di disoccupazione (a 2 da -8)».

Domenico Carelli

(Foto: myworld360.it)

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image