• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Meteo: imminente perturbazione nevosa fino in pianura poi Burian. Ecco le regioni coinvolte

Abruzzo > L'Aquila

Nelle prossime ore ci attendiamo l'arrivo di una fredda perturbazione che porterà nevicate anche in pianura su molte regioni d'Italia. Vediamo allora più nel dettaglio quali saranno le zone maggiormente coinvolte fino a questa sera.

Nel corso del pomeriggio/sera l'azione congiunta di venti gelidi siberiani uniti ad una perturbazione atlantica, provocheranno un peggioramento delle condizioni meteo su tutto il Nordovest quando la neve farà la sua comparsa anche in pianura specie su Piemonte e in Lombardia, ma in movimento anche verso l'Emilia Romagna. Pure in Liguria la neve cadrà molto in basso e localmente fino al piano. Potranno quindi imbiancarsi di un soffice manto bianco città come: Torino, Cuneo, Pavia, Milano, Lodi, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e fin sulle coste di Rimini e Pesaro.

Il tempo andrà peggiorando anche sulla Toscana, sulle Marche, in Umbria e fino all'Abruzzo. Pure su questi settori sono attese nevicate a quote via via sempre più basse e verso sera sulle pianure con neve fino a Firenze, Prato, Arezzo, Perugia, Terni, Siena, Macerata, Ascoli Piceno. Sempre in serata la dama bianca continuerà a cadere su molti tratti di pianura del Nordovest e sull'Emilia Romagna. Fenomeni ulteriormente più diffusi su gran parte del Centro con precipitazioni nevose su pianure toscane, ma anche su Umbria, Marche, Abruzzo e Molise.

Durante la notte successiva le precipitazioni inizieranno a perdere di energia sul Nordovest mentre insisteranno in Emilia Romagna con ancora neve fino in pianura e localmente lungo i litorali.
Il freddo maltempo si concentrerà dunque soprattutto al Centro Sud dove forti piogge bagneranno la Sardegna (specie settentrionale, quindi la provincia di Sassari) e i litorali tirrenici, mentre la neve continuerà a cadere fino in pianura su tutti i comparti marchigiani, abruzzesi e molisani fin verso i litorali e a quote molto basse sui rilievi del Lazio con possibili fiocchi alle porte di Roma.

Sarà il preludio questo ad un inizio di weekend di San Valentino molto freddo, ma a tratti ancora nevoso per molte regioni del Nostro Paese.

Ecco le previsioni per weekend di San Valentino
Tutto confermato, nel corso del weekend di San Valentino è in arrivo una sfuriata siberiana che porterà un super gelo sull'Italia con neve fin su pianure e coste. Facciamo quindi il punto della situazione con le previsioni aggiornate per Sabato 13 e Domenica 14.


Arriva il gelo. A partire dalla giornata di venerdì 12 febbraio una massa di aria molto fredda inizierà ad affluire dall'Europa orientale verso il bacino del Mediterraneo. Per questo motivo ci aspettiamo un vero e proprio tracollo delle temperature a partire dalle regioni nordorientali per poi estendersi a tutta l'Italia.

Sarà poi da sabato 13 che entreremo nel vivo di questa ondata gelida che provocherà anche la formazione di un minimo depressionario sul basso Tirreno e la possibilità di nevicate fino in pianura e sulle coste di Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia e Campania.

Tra il pomeriggio e la serata non escludiamo la possibilità di fiocchi di neve anche a Pescara, Bari e fino alle porte di Roma. Nevicate anche in Calabria tra sera e notte fino a quote collinari (700 metri). Da sottolineare anche i forti venti in arrivo dai quadranti settentrionali che acuiranno maggiormente la sensazione di freddo, insomma ci sarà da battere i denti come non capitava da tanti anni.

Condizioni meteo più stabili invece al Nord, con maggiori spazi soleggiati, salvo un po' di nevischio sulle Alpi occidentali. Qui però saranno le temperature a far parlare di sé, con valori diffusamente sottozero di notte e di 1°C circa sopra di giorno sulla Val Padana.

Al momento le condizioni meteo sono previste in miglioramento nel corso di domenica 14, San Valentino, con più sole su buona parte dei settori, salvo qualche fiocco di neve fin sulle coste del medio e basso adriatico, interno campano, Basilicata e settore ionico calabrese. Le temperature si manterranno ancora molto rigide e ben sotto le medie climatiche di riferimento con ancora correnti gelide da Nord. (iLMeteo)

IN AGGIORNAMENTO