Olimpiadi invernali 2026, Appendino invia la lettera di interesse al Coni

146
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 17 MARZO - La Sindaca di Torino Chiara Appendino ha inviato oggi al Coni la lettera di ...

TORINO, 17 MARZO - La Sindaca di Torino Chiara Appendino ha inviato oggi al Coni la lettera di manifestazione d'interesse per le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali del 2026. Lo comunica l'amministrazione cittadina che con una nota afferma: "Nel rispetto delle valutazioni personali dei singoli consiglieri, il gruppo consiliare del M5S Torino appoggia la decisione della Sindaca Appendino con l'obiettivo di procedere compatti sullo studio critico e condiviso di quanto avverrà già da domani. Il Movimento 5 stelle lavorerà con serietà nei prossimi mesi per capire se esistano i presupposti di sostenibilità economica, ambientale e sociale per procedere ad una eventuale candidatura".


La proposta di Torino ai Giochi, che come sottolinea la sindaca è una manifestazione di interesse e non una candidatura vera e propria, arriva dopo giorni di discussioni e malumori tra i pentastellati. Lunedì scorso quattro consiglieri grillini avevano fato saltare il numero legale in Sala Rossa durante il consiglio comunale dove l’Appendino avrebbe dovuto presentare una mozione per la manifestazione di interesse. Ieri l’ultima riunione, finita intorno alle 22.30, dove finalmente il dissenso sembra essere stato messo da parte per lasciar spazio alla linea Appendino.


La sindaca ha comunque ribadito che la candidatura vera e propria avverrà solo quando l’esistenza delle condizioni adatte per fare le Olimpiadi saranno verificate. Tra quest’ultime, messe nero su bianco dai pentastellati nella loro mozione originaria, zero debiti, controlli sugli appalti, riutilizzo dei villaggi olimpici per edilizia residenziale e universitaria, e progetti per sostenere i territori con ricadute strutturali e occupazionali a lungo termine.

Ilaria Bertocchini

Foto: www.torino.diariodelweb.it

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere