Patto di stabilità, Cappellacci a Saccomanni e Del Rio: rivedere vincoli ingiusti e obsoleti

2
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 9 OTTOBRE 2013 - E' stato divulgato dalla Regione Sardegna il comunicato relativo all'inco...

CAGLIARI, 9 OTTOBRE 2013 - E' stato divulgato dalla Regione Sardegna il comunicato relativo all'incontro di ieri pomeriggio a Roma del Presidente Cappellacci con i ministri Saccomanni e Del Rio. Di seguito il testo.

"La Regione Sardegna ribadisce l'urgenza di rivedere immediatamente i vincoli del patto di stabilità". Lo ha dichiarato proprio il Presidente della Provincia Autonoma della Sardegna Cappellacci.

"La nostra isola - ha sottolineato Cappellacci - paga un prezzo più alto di altre Regioni, perché al problema generale si aggiunge quello specifico del mancato adeguamento dei parametri al nuovo regime delle entrate. In altre parole - spiega Cappellacci -, da un lato lo Stato ci ha riconosciuto le somme dovute, ma dall'altro ci impedisce di utilizzarle a favore delle famiglie, delle imprese e dei territori. Lo sbarramento del patto di stabilità - prosegue il presidente- influisce negativamente nella vita amministrativa degli enti locali perché fra tutte le Regioni nelle quali la finanza locale è a carico dello Stato la Sardegna è di gran lunga quella che in maggior misura sostiene i propri enti locali. In pratica, nonostante in Sardegna i Comuni e le Province dovrebbero essere finanziati dallo Stato, la Regione trasferisce ai propri enti locali più di quanto ricevano dallo Stato. In nessun'altra Regione si registrano comportamenti analoghi".

Il presidente della Regione ha altresì ricordato la necessità di portare a compimento quanto prima anche la procedura di revisione dell’articolo 10 dello Statuto, secondo lo schema concordato con il Governo, che deve andare all'esame del Parlamento: "Ciò è necessario - ha evidenziato il presidente - non solo per chiudere immediatamente il conflitto aperto dal Governo davanti alla Corte Costituzionale riguardo al taglio dell'IRAP deciso dalla Regione, ma anche per dare finalmente alla Regione quell'autonomia in materia di politiche fiscali, che permetta di calibrare le scelte sulla base della situazione reale del nostro sistema economico".

(Fonte Regione Sardegna)

Gianluca Teobaldo  

InfoOggi.it Il diritto di sapere