• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Piazza Affari, Resoconto della giornata (25/01/2013)

Lombardia

MILANO, 25 GENNAIO 2013 – In controtendenza rispetto alle consorelle europee, Piazza Affari ha chiuso la settimana finanziaria al di sotto della parità, con il Ftse Mib a -0,17% a 17.727 punti. Per quanto riguarda le principali Borse del Vecchio Continente: Cac 40 +0,69% a 3.778 punti, Dax 30 +1,42% a 7.858 punti, Ibex 35 +0,68% a 8.725 punti, Ftse 100 +0,31% a 6.284 punti. Bene anche il differenziale tra il Btp e il Bund tedesco che archivia la seduta in flessione a 249 punti base, rispetto ai 258 di ieri.

A Milano, a monopolizzare l’attenzione, il caso Mps. Dopo oltre sette ore di assemblea - a cui hanno partecipato circa 370 soci, in rappresentanza di 942 aventi diritto, corrispondenti al 53,77% del capitale della banca - si è deciso di dare il via libera alla sottoscrizione per 3,9 miliardi di euro, di cui 1,9 finalizzati alla sostituzione dei Tremonti Bond del 2009. La delibera è stata approvata dal 98,75% delle azioni rappresentante - corrispondente al 52,11% del capitale sociale. ''Vedere un titolo che ritorna ad una volatilità normale significa che il mercato si sta rendendo conto che il problema c'e' ma e' gestibile”, ha dichiarato l'ad Fabrizio Viola. Infatti, il titolo oggi ha chiuso con un progresso del +11,36% a 0,2598 euro, elevatissimi i volumi (è passato di mano circa il 12% del capitale). [MORE]

Tra le altre banche, positiva soltanto Unicredit (+0,43% a 4,672 euro). Positive anche Stm (+3,24% a 3,97 euro, Exor (+2,91% a 22,25 euro). Autogrill (+1,65% a 9,22 euro), Saipem ha perso il 2,69% a 31,49 euro. La peggior performance la registra Pirelli (-3,3% a 9,22 euro).

Rosy Merola