Piazza Affari, Resoconto della giornata (25/03/2013)

1
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 25 MARZO 2013 – Nonostante un inizio euforico, grazie alla notizia dell’aggiunto...

MILANO, 25 MARZO 2013 – Nonostante un inizio euforico, grazie alla notizia dell’aggiunto accordo tra l'Eurogruppo e Cipro, Piazza Affari archivia la prima seduta della settimana con il Ftse Mib in rosso a -2,5% a 15.644 punti. Oltre alle dichiarazioni che si sono susseguite nel corso della giornata in merito alla situazione cipriota, a pesare sul Milano l’incertezza e lo stato di stallo della nostra situazione politica. E sullo sfondo, la scure di Moody's che – sempre a causa della situazione politica – potrebbe procedere a declassare il rating italiano.

Sale anche lo spread tra il Btp e il Bund tedesco, che ha chiuso sui massimi di seduta a 328 punti base, rispetto ai 313 punti della chiusura dello scorso venerdì, con il rendimento al 4,61%. Sotto la parità anche le altre consorelle europee: l'Ibex 35 ha chiuso in flessione del 2,27% a 8.141 punti, il Cac 40 dell'1,12% a 3.728 punti, il Ftse 100 dello 0,22% a 6.378 punti, il Dax dello 0,51% a 7.871 punti.

A Piazza Affari, sul listino principale, sprofondano i bancari: Intesa Sanpaolo (-6,21% a 1,147 euro), Banco Popolare (-5,86% a 1,012 euro), Unicredit (-5,81% a 3,374 euro) e Mediobanca (-5,3% a 4,218 euro). Male anche Mediaset (-4,73% a 1,55 euro), Fiat (-3,29% a 4,298 euro) e Enel (-3,34% a 2,606 euro). Rimbalzo tecnico per Parmalat, che ha chiuso i aumento dell’1,69% a1,985 euro.Sopra la parità anche Diasorin (+0,85% a 27,22 euro), Stm (+0,65% a 6,16 euro) eTenaris (+0,64% a 15,79 euro).

Sotto il profilo del mercato dei cambi, l'euro fluttua intorno a quota 1,29 dollari.

Rosy Merola
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere