• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Porto di gioia tauro, Santelli: "è la grande scommessa della Calabria" I commenti della Politica

Calabria > Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA, 27 MAG -  Portacontainer tra più grandi al mondo Maccarini (Til), vogliamo farne primo scalo Mediterraneo La Sixin Msc, tra le portacontainer più grandi al mondo, ha fatto oggi il suo ingresso, per la prima volta, nel Mediterraneo, arrivando nel porto di Gioia Tauro. "Per noi - ha detto il team manager della Til Paolo Maccarini - questo è un punto di ripartenza, un'occasione straordinaria per ribadire quanto aveva promesso il sig. Aponte quando è venuto qui e cioè vogliano fare di Gioia Tauro il primo porto del Mediterraneo, promessa e sfida che vogliamo realizzare".

"Noi - ha aggiunto - vogliamo competere non con i porti nazionali ma con scali come Rotterdam, Pireo, Algesiras, Port Said che operano con altri costi e altri mercati. E il nostro impegno lo porteremo a compimento". La super nave è entrata scorata da tre rimorchiatori ed è stata attraccata nella banchina di levante senza alcun problema. Le gru e i carrelli si son messi subito ad operare per scaricare migliaia di container.

E per celebrare l'evento, nel piazzale antistante l'Autorità portuale, si è tenuta la cerimonia di Maiden Call della nave, per onorare la sua "prima toccata" nel Mediterraneo, con lo scambio dei Crest fra il comandante della nave Amil Kumar Menon, il commissario straordinario dell'Autorità portuale di Gioia Tauro Andrea Agostinelli e lo stesso Maccarini. Alla cerimonia hannop presenziato la presidente della Regione Jole Santelli, il prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà oltre ad autorità civili e militari.

La Sixin Msc, 400 metri di lunghezza e 61 di larghezza e battente bandiera panamense, è stata costruita nel 2019 ed ha una capacità di trasporto pari a 26,656 teus. La Sixin proseguirà per i porti di Barcellona e di Valencia, tornerà, a Gioia Tauro il prossimo 5 giugno per poi fare ritorno ogni 60 giorni. Tra gli interventi di saluto quello di Agostinelli, che ha ricordato le fasi di rilancio dello scalo ed i nuovi obiettivi fra i quali il gateway, il bacino di carenaggio ma anche l'avvio della logistica e i collegamenti ferroviari necessari per legare lo scalo al paese.

Santelli: "È la grande scommessa della Calabria"
***"Gioia Tauro è la grande scommessa della Calabria. Oggi c'è di che festeggiare: al Porto è approdata una delle più imponenti portacontainer al mondo, la Msc Sixin, il cui arrivo rappresenta al meglio le grandi e altrettanto imponenti ambizioni del più importante scalo della Calabria e del Mediterraneo".

Così il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli.

"Quella di oggi – continua la governatrice – sarà ricordata come la giornata dell'orgoglio per un porto, quello di Gioia Tauro, che per troppi anni è stato una scommessa mancata, se non addirittura perduta. L'approdo della mega portacontainer, una vera regina del mare, dimostra invece quanto siano estese le potenzialità di uno scalo dalla cui crescita dipende lo sviluppo stesso della Calabria e del Mezzogiorno".

"Non possiamo perdere questa sfida. Vogliamo – spiega Santelli – realizzare tutte le infrastrutture necessarie per l'espansione del porto e del retroporto, ma anche una scuola di alta e media formazione per le maestranze che dovranno operare nello scalo. Il mio augurio è di poter continuare a lavorare con l'attuale commissario, Andrea Agostinelli, il cui operato e le cui competenze sono apprezzate in modo bipartisan, segno che in tutti questi anni l'ammiraglio ha lavorato bene e con determinazione. Spero che anche il governo ne prenda atto e che voglia confermarlo nell'incarico".

"È dunque partita ufficialmente – conclude il presidente della Regione – la grande scommessa Gioia Tauro. E, a differenza di quanto successo a “The big short”, noi vogliamo l'Oscar come miglior film".


*** Falcomatà, momento positivo Gioia, rendere operativa Zes
"E' uno dei momenti migliori per il Porto di Gioia Tauro. L'aumento dei traffici e la presenza di una nave cosi importante e prestigiosa, che solcherà esclusivamente i porti di Gioia Tauro in Italia e Rotterdam in Olanda, impreziosisce il ruolo strategico di questa infrastruttura nell'economia territoriale, sempre più baricentrica nel contesto dell'area del Mediterraneo.

Un obiettivo che è il frutto di una strategia avviata qualche anno fa e che oggi, grazie al lavoro sinergico messo in campo, sta dando portando importanti risultati". È quanto ha dichiarato il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà durante la cerimonia organizzata dall'autorità Portuale di Gioia Tauro in occasione dell'arrivo in porto della nave Msc Sixin, una delle più grandi portacontainer al mondo, entrata questa mattina all'alba nel terminal calabrese. "In questi mesi si sono concretizzate situazioni importanti - ha spiegato il sindaco - realizzate non certo per un caso fortuito, ma basate su un lavoro serio, costante e capillare, promosso attraverso una solida sinergia istituzionale e capitalizzato dalla guida lungimirante del Commissario Agostinelli con il quale desidero complimentarmi per il proficuo lavoro svolto.

Due anni fa il porto era sull'orlo del fallimento, centinaia di persone rischiavano di essere licenziate ma il lavoro di squadra istituzionale promosso con il Governo e l'autorità portuale è stato il punto di svolta e l'avvio di una nuova fase di rilancio che a qualcuno appariva semplicemente un'utopia ma che per noi è stata una sfida da portare avanti con serietà ed impegno. Oggi, due anni dopo, possiamo affermare con orgoglio che questa sfida la stiamo vincendo e che il porto di Gioia Tauro naviga in un contesto di sviluppo, competendo con i principali porti del mondo. Bisogna quindi continuare su questa strada, dando sostanza alla Zona Economica Speciale, che deve ancora dispiegare tutte le sue potenzialità per lo sviluppo di un'area strategica non solo per la Città Metropolitana di Reggio Calabria ma per l'intero Paese nel contesto dello scacchiere euromediterraneo".

*** Auddino (M5s), oggi giornata memorabile "Presenza Msc Sixin è record per scalo che continua sua ascesa"

"Esprimo il mio rammarico per non poter partecipare alla cerimonia odierna al Porto di Gioia Tauro in occasione dell'approdo della Msc Sixin, una delle più grandi navi portacontainer al mondo. I lavori parlamentari odierni incentrati sull'esame dell'importante decreto scuola non mi consentono di essere presente accanto al Commissario Andrea Agostinelli in questa giornata memorabile per il porto per condividerne appieno la gioia". E' quanto afferma, in una nota, il senatore del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Auddino.

"La mega nave da 23.600 Teu giunta questa mattina ed attraccata alla banchina- prosegue Auddino - è la più grande finora ormeggiata nello scalo gioiese, lunga 400 metri e larga 62. Un record per il porto, che continua la sua ascesa nel circuito internazionale del transhipment. Invero, negli ultimi tempi, il porto è stato interessato da un cospicuo piano di investimenti che continua a produrre risultati positivi; le operazioni di drenaggio messe in atto dall'Autorità portuale hanno garantito un livello di profondità dei fondali che ha permesso l'approdo della mega nave di ultima generazione. Soddisfatto ed emozionato per i traguardi sempre più alti che il porto sta raggiungendo, rinnovo il mio impegno ad andare avanti nella strada tracciata insieme al Governo ed al Commissario Agostinelli, affinché lo scalo diventi un porto strategico in grado di competere con i porti più importanti del mondo".

*** Vecchio, Gioia Tauro simbolo Calabria che può farcela. Presidente Confindustria Reggio: approdo Msc Sixin celebra scalo

"L'approdo al porto di Gioia Tauro della Msc Sixin, una delle navi portacontainer più imponenti al mondo, simboleggia il successo della Calabria che produce, che non si piange addosso e che può farcela". Lo afferma il presidente di Confindustria Reggio Calabria, Domenico Vecchio. "Oggi non celebriamo solo le potenzialità di questa grande infrastruttura - prosegue Vecchio - ma suggelliamo la crescita esponenziale dei traffici, che nei primi quattro mesi del 2020 hanno registrato un enorme balzo in avanti in termini di contenitori movimentati, pur in presenza della crisi globale del coronavirus. Gioia Tauro, anche grazie all'implementazione tecnologica, sta conoscendo una fase di ripartenza come non si registrava da anni, innanzitutto per merito degli investimenti del nuovo terminalista Til-Msc. Siamo certi che il fondamentale completamento dell'ultimo tratto ferroviario, annunciato dalla presidente della Regione Jole Santelli, e la stabilizzazione della governance dell'autorità portuale da parte del Ministero dei Trasporti - conclude il presidente di Confindustria Reggio Calabria - garantiranno impulso e competitività al porto e a tutto il sistema produttivo calabrese e meridionale".