Ragusa, caso Stival: ritrovati slip da bambino nei pressi della scuola. Indagato il cacciatore

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
SANTA CROCE CAMERINA (RG), 2 DICEMBRE 2014 – Nuovi indizi sul caso del piccolo Andrea Loris St...

SANTA CROCE CAMERINA (RG), 2 DICEMBRE 2014 – Nuovi indizi sul caso del piccolo Andrea Loris Stival, il bambino di 8 anni trovato senza vita lo scorso 29 novembre. Secondo quanto emerso dalle indagini, nei pressi della scuola “Falcone e Borsellino”, dove il bambino si sarebbe recato senza mai entrare in aula, sono stati ritrovati degli slip blu. Il cacciatore, Orazio Fidone, che ha ritrovato il corpo del bambino, è attualmente nel registro degli indagati per detenzione di munizioni ed esplosivo, ma non per omicidio.

Caso Andrea Loris Stival: ritrovati slip da bambino. Testimoni confermano la presenza di un’auto nel luogo del ritrovamento

Sono stati rinvenuti, oggi, nei pressi della scuola di Loris un paio di slip blu da bambino riportati la scritta “cool skater boy”, con il disegno di un lupo. Secondo quanto riferito in un primo momento dagli inquirenti, il bambino, è stato ritrovato senza indumenti intimi e con i pantaloni slacciati. Gi investigatori hanno già predisposto l’esame del DNA sull’indumento. La dirigente della polizia scientifica, Giusi Neri, ha confermato che ci vorrà una settimana prima del riscontro definitivo, ma che ‹‹per caratteristiche e natura, gli slip, potrebbero essere quelli del bambino››.

Intanto, tre testimoni, hanno affermato di aver visto un’auto nei pressi dello scolo, dove è stato ritrovato il bambino, intorno alle 15 dello stesso pomeriggio. L’auto, di cui non sono ancora stati diffusi dettagli, è ora al vaglio della questura che sta confrontando le dichiarazioni. Certo è che, l’auto in questione, non corrisponderebbe alla Suzuky bianca di Fidone. Continuano, intanto, anche le indagini per ritrovare lo zainetto blu che Loris portava al momento della sua scomparsa.

Indagato il cacciatore per detenzione di esplosivo. Fidone: “sono tranquillo”

È partito l’atto di garanzia da parte della Procura di Ragusa nei confronti di Orazio Fidone, il cacciatore che ha ritrovato il corpo di Andrea. Secondo gli inquirenti, si tratterebbe di un esame tecnico irripetibile atto a verificare le vetture in dotazione di Fidone e i vestiti dell’uomo. Attualmente non è indagato per omicidio, ma all’interno della sua dimora sono state rinvenute pallottole di diversa portata e nessuna licenza per la caccia. L’uomo, nel registro degli indagati per detenzione illegale di munizioni e esplosivo, non ha richiesto nessun avvocato, ‹‹sono tranquillo›› afferma ‹‹su di me non ci sono sospetti›› per l’omicidio, ‹‹solo controlli di routine››.

Erica Benedettelli

[immagine da palermomania.it]

InfoOggi.it Il diritto di sapere