Si cerca Jemal Kedija: babysitter etiope scomparsa sulle colline di Lucca

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LUCCA, 10 AGOSTO 2013 - Jemal Kedija, babysitter di origini etiope, è scomparsa Venerd&igrave...

LUCCA, 10 AGOSTO 2013 - Jemal Kedija, babysitter di origini etiope, è scomparsa Venerdì 9 Agosto nei boschi di Mutigliano, in provincia di Lucca. La donna, trentaduenne, lavora per una coppia di statunitensi: un professore di filosofia di un'università di New York ed una funzionaria dell'Onu.

Jemal Kedija si occupa della figlia dei due americani, pertanto è arrivata in Italia insieme alla famiglia per la quale lavora, che due settimane fa ha raggiunto le colline di Lucca per trascorrere le vacanze estive. La babysitter aveva l'abitudine di passeggiare durante le prime ore del mattino e, come al solito, Venerdì è uscita di casa, senza però fare ritorno.

Non vedendola rientrare dopo la consueta passeggiata, la coppia statunitense ha allertato le autorità. Le ricerche sono iniziate immediatamente e proseguono senza sosta. Al momento, però, non è stata trovata alcuna traccia di Jemal Kedija.

La donna viene cercata dalla Polizia, dai Carabinieri, dai Vigili del Fuoco, dalla Protezione Civile, da gruppi cinofili e da numerosi volontari. Questa mattina è stato inoltre utilizzato un elicottero per sorvolare la zona, ma il tentativo di ritrovare Jemal Kedija è stato vano. Stefano Fedele, comandante provinciale dei Carabinieri, ha spiegato ai giornalisti: «Al momento l'ipotesi più probabile è che la donna si sia allontanata e, magari non conoscendo bene la zona, abbia avuto un incidente. Per questa ragione stiamo effettuando delle ricerche approfondite sul territorio, privilegiando soprattutto le zone coperte».

Per aiutare Jemal Kedija:
-In caso di avvistamento, o di notizie utili alle ricerche, allertare immediatamente le autorità (Carabinieri: 112; Polizia: 113)
-Qualora si rinvenissero indumenti o effetti personali abbandonati nella zona boschiva di Mutigliano (Lucca), allertare le autorità, facendo presente il caso di scomparsa di Jemal Kedija.
-E' opportuno diffondere l' immagine di Jemal Kedija (reperibile dalla gallery di questo articolo) tramite i propri profili sociali. Se possibile, è consigliabile stampare dei volantini con la fotografia della donna, da affiggere soprattutto nella zona di Lucca.

Seguici anche su Facebook

Alessia Malachiti
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere