Torino, tweet di Salvini fa infuriare procuratore capo Spataro: “Rischio compromissione indagini”

416
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 5 DICEMBRE - Un tweet di Matteo Salvini, pubblicato ieri mattina, ha mandato su tutte le fur...

TORINO, 5 DICEMBRE - Un tweet di Matteo Salvini, pubblicato ieri mattina, ha mandato su tutte le furie il procuratore capo di Torino, Armando Spataro. “Le nostre forze dell'ordine sono tra le migliori al mondo e queste operazioni non fanno altro che confermarlo”, aveva postato Salvini, segnalando un’operazione della polizia di Stato, in corso a Torino, contro la mafia nigeriana.

Il messaggio social di Salvini, secondo Spataro, ha fatto sorgere “rischi di danni al buon esito di un’operazione che è tutt'ora in corso”. “Ci si augura – si legge in un comunicato stampa diffuso dalla Procura di Torino – che per il futuro il ministro dell'Interno eviti comunicazioni simili o quantomeno voglia informarsi sulla tempistica, al fine di evitare rischi di danni alle indagini in corso”.

Salvini parlava nel tweet dell’arresto di “15 mafiosi nigeriani”, mentre Spataro si è affrettato a precisare che “la polizia giudiziaria non ha fermato 15 mafiosi nigeriani, ma sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di questo Ufficio, dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Torino”.

La controreplica del responsabile del Viminale è arrivata poco dopo: “Basta parole a sproposito, è inaccettabile dire che il ministro dell'Interno possa danneggiare indagini e compromettere arresti. Qualcuno farebbe meglio a pensare prima di aprire bocca. Se il procuratore capo a Torino è stanco, si ritiri dal lavoro: a Spataro auguro un futuro serenissimo da pensionato. Se il capo della polizia mi scrive alle 7:22 informandomi di operazioni contro mafia e criminalità organizzata, come fa regolarmente, un minuto dopo mi sento libero e onorato di ringraziare e fare i complimenti alle forze dell'ordine”.

Claudio Canzone

Fonte foto: agi.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere