Ubriaco ruba auto e investe processione, tre ferite, paura tra i fedeli

495
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
FROSINONE, 30 GIUGNO - Ha rubato un'automobile e, in evidente stato di ubriachezza, ha investito la ...

FROSINONE, 30 GIUGNO - Ha rubato un'automobile e, in evidente stato di ubriachezza, ha investito la processione in onore di Santa Barbara che era in corso a Vico nel Lazio, in provincia di Frosinone. E' accaduto ieri sera quando l'auto, a velocità sostenuta, è finita sulla folla che seguiva la cerimonia proprio nel momento in cui il corteo transitava per la via intitolata alla santa. L'uomo, un venticinquenne già noto alle forze di polizia per una lunga serie di precedenti penali, non si era fermato all'alt intimato dalla polizia municipale.

Tre donne, due quarantenni e una ottantenne, non sono riuscite ad evitare l'impatto e sono rimaste ferite. Portate in ospedale, le loro condizioni, comunque, non sono risultate gravi. Per i fedeli, che erano numerosi in fila dietro alla statua della santa, lo spavento è stato tanto, così come l'incredulità per quanto successo. L'incidente,avvenuto a tarda sera, poteva avere un bilancio ben più grave: e per qualcuno ci avrebbe messo del suo proprio Santa Barbara, venerata dalla popolazione di Vico nel Lazio, "ad evitare le conseguenze peggiori".

Le indagini dei carabinieri hanno stabilito che il conducente della vettura, SENZA patente, era anche in stato di ebbrezza. Sono stati gli uomini della compagnia di Alatri ad individuarlo e ad arrestarlo, sempre a Vico, dopo che il giovane era riuscito in un primo momento a dileguarsi. Gli accertamenti hanno subito confermato che il tasso alcolico nel sangue del fermato era ben più elevato rispetto al limite consentito dalla legge, e si è proceduto quindi all'arresto. Le accuse nei confronti dell'investitore sono di furto aggravato e lesioni stradali, oltre alla denuncia per la guida in stato di ebbrezza e per l'omissione di soccorso. La vettura è stata sequestrata e affidata in custodia a una ditta autorizzata.

InfoOggi.it Il diritto di sapere