"Una voce per il sud", protagoniste quattro ragazze del comprensorio catanzarese

62
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BOTRICELLO (CZ), 7 MAGGIO 2014 - Anche la scuola Art'è Studios ed i suoi giovanissimi alunni ...

BOTRICELLO (CZ), 7 MAGGIO 2014 - Anche la scuola Art'è Studios ed i suoi giovanissimi alunni hanno preso parte nei giorni scorsi al quarto appuntamento con la manifestazione “Una voce per il sud”. L’Importante e rinomato concorso canoro, che ha fatto tappa nella cittadina di Vibo Valentia, ha vantato ancora una volta una giuria altamente valida presieduta da una madrina d’eccezione quale Silvia Mezzanotte, una tra le più belle e note voci italiane, talento artistico di grande spessore e componente dei Matia Bazar.

A rappresentare la scuola di musica Art'è Studios le alunne Benedetta Froio di Cropani Marina, Clarissa Grimaldi di Belcastro, Arianna Papaleo di Isola Capo Rizzuto e la giovanissima Giovanna Camastra di Botricello, che per la categoria bambini, ha guadagnato, assieme agli altri ragazzi qualificatisi, la presenza alle semifinali che si terranno a Manfredonia il prossimo trenta giugno. "Sono davvero orgoglioso di questi piccoli grandi talenti - ha dichiarato il maestro Sarino Froio - nonostante abbiano alle spalle solamente tre mesi di studio professionale, hanno saputo dominare con grinta, passione e spontaneità il palcoscenico, superando, attraverso l’amore per la musica, ogni tipo di emozione".

"Grazie ragazze - ha proseguito il maestro - non posso che esserne fiero augurando a voi e tutti i vostri compagni di Art'è Studios che questo sia solo l'inizio di una lunga carriera artistica". La manifestazione si è conclusa con un importante workshop aperto a tutti i circa sessanta ragazzi presenti. Buon proseguimento dunque a questi giovani artisti che hanno dimostrato che competere in maniera sana e positiva è possibile, facendo di questa meravigliosa esperienza un’occasione di crescita personale e sociale.

(notizia segnalata da Francesca Froio)

InfoOggi.it Il diritto di sapere