Arte Fiera 2016, 40° edizione

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
BOLOGNA, 31 GENNAIO 2016 – Bologna in festa per il quarantennale di uno degli appuntamenti d&r...

BOLOGNA, 31 GENNAIO 2016 – Bologna in festa per il quarantennale di uno degli appuntamenti d’arte più seguiti a livello internazionale: Arte Fiera si conferma una vetrina privilegiata con 222 espositori totali, di cui 190 Gallerie d’arte moderna e contemporanea, suddivise in 3 Padiglioni (25, 26 e 32), con circa mille artisti rappresentati.
Sotto la direzione artistica di Claudio Spadoni e Giorgio Verzotti, per il quarto anno consecutivo, la kermesse volge con rigore lo sguardo al mercato, destreggiandosi tra grandi Maestri e giovani promesse, intercettando e premiando le nuove tendenze, con soddisfazione di un pubblico sempre più numeroso.
In fila per tre giorni (a partire dal 29 gennaio, fino al 1° febbraio 2016), accumunati dalla curiosità, il collezionista e lo studente, per ammirare opere di Lucio Fontana, Enrico Castellani, Alighiero Boetti, Piero Manzoni, per citare alcuni protagonisti delle Italian Sales presenti, che impreziosiscono un percorso articolato e sorprendente. Tra le novità, anche quest’anno si rinnova – per la terza volta – la collaborazione con Mia, Milan Image Art Photo Fair, rassegna curata da Fabio Castelli e dedicata alla fotografia, mezzo espressivo alla ribalta anche per via della sua accessibilità.

Decisamente ricca e glamour l’offerta culturale del weekend bolognese, nel segno del dialogo tra passato e presente, di una programmazione coordinata tra spazi pubblici e privati, che sconfina i padiglioni fieristici. Torna infatti Art City: nel suo carnet, mostre, performance, progetti site specific, incontri e proiezioni cinematografiche, in tutto 70 eventi in oltre 40 luoghi diversi della città; al centro del cartellone, come da tradizione, Art City White Night, la notte bianca appena trascorsa, con l’invasione di strade, piazze e palazzi. Anime della notte, Ladies and Gentlemen della New York underground: è il titolo della mostra di Galleria Cavour, in omaggio a Andy Warhol e al progetto espositivo dallo stesso inaugurato a Ferrara nel 1975. Ma la magia della Pop Art continua con la mostra inedita Loving Sak Forever - Icon of pop art selection, ospitata presso lo spazio CAR Jeep (in Galleria Cavour 2) e dedicata a Steve Kaufman, allievo e assistente di Warhol – fino al prossimo 15 febbraio.


Domenico Carelli

InfoOggi.it Il diritto di sapere