Decreto sicurezza, Mattarella firma e scrive a Conte: "Rispettare la costituzione con i migranti".

8
Scarica in PDF
Dopo un severo esame, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto sicurez...

Dopo un severo esame, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto sicurezza esteso anche alla questione migranti. 

 

Mattarella non mette risparmia le raccomandazioni e invia al presidente Conte una lettera con la quale ricorda gli obblighi costituzionali in materia, pur non richiamati nel testo normativo. 

Il riferimento è al "contenuto dell’articolo 10 della Costituzione e a quanto discende dagli impegni internazionali assunti dall’Italia”, si legge nella nota del Quirinale. 

 

L’articolo costituzionale che il capo dello stato ha saggiamente richiamato garantisce la tutela giuridica dello straniero in conformità dei trattati internazionali. 

 

Il testo recita: “L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge. Non è ammessa l'estradizione dello straniero per reati politici".

 

Intanto il ministro Salvini commenta il traguardo raggiunto: “Mai un decreto è stato così tanto accompagnato e studiato come questo sulla sicurezza e l'immigrazione. Ma è giusto che sia così visto che si tratta di un tema importante e rilevante”.

 

L’incontro di ieri tra il vicepremier leghista e il Presidente della Repubblica, definito “cordiale e positivo”, ha permesso di ultimare le rifiniture del testo normativo e ha rappresentato “la chiusura virtuosa di un percorso condiviso con tutti”, conclude Salvini.

Rachele Fratini 

Fonte immagine: il messaggero.it 

InfoOggi.it Il diritto di sapere