• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Luca Abete: Al Tribunale di Napoli, "dipendenti" non identificati

Campania

NAPOLI, 21 MAGGIO 2013 - Negli spazi di un tribunale, più di ogni altro luogo, dovrebbero rappresentare il simbolo della legalità.  Eppure c’è almeno una circostanza in cui la cittadella giudiziaria di Napoli non sembra rispettare questo semplice paradigma.

È il caso di una singolare pratica molto in voga all’interno del tribunale partenopeo, documentata dall’inviato campano di Striscia la Notizia. Seguendo una segnalazione anonima, Luca Abete si è accorto che nella sala d’attesa dell’ufficio notifiche alcune persone maneggiavano atti e un bel po’ di soldi.

Grazie all’aiuto di alcuni collaboratori muniti di telecamera nascosta ha, così, scoperto che quelle persone si offrono, sotto compenso e del tutto in nero, di notificare gli atti giudiziari per conto di praticanti e avvocati, improvvisando, addirittura, banchetti di fortuna e senza rilasciare alcuna ricevuta.

Così, per evitare la fila e la lunga attesa ogni giorno, decine di avvocati si rivolgono a loro a danno di chi, invece, fa tutto da solo.

Gli originali notificatori arrivano nel Palazzo di Giustizia, puntuali ogni mattina, con trolley capienti utili al trasporto dei numerosi faldoni che gli vengono affidati. All’interno del tribunale, poi, utilizzano cartoni e cestini della spazzatura per costruire improvvisate “scrivanie mobili” dove svolgere comodamente il loro mestiere abusivo.

Dopo un’indagine accurata, l’inviato campano di Striscia la notizia, ha scoperto che alcune di queste “ambigue” figure sono addirittura ex ufficiali giudiziari, ormai in pensione, che arrotondano con questa attività illecita.

 

Ligio al dovere, Luca Abete ha intercettato i prolifici evasori, per chieder loro spiegazioni e per consegnare l’immancabile pigna che recita così: “Uffici volanti e abusivi, che idea originale! Siamo sicuri sia consentito all’interno di un tribunale?”.[MORE]

Link al servizio andato in onda stasera a Striscia la Notizia: CLIACCA QUI