Mafia: colpo a uomini Messina Denaro, 12 arresti - il "re dell'eolico" "signore del vento" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Papa Francesco: "La paura non deve impedire l'accoglienza". E attacca Trump
  • Usa fuori dal Consiglio per i diritti umani dell'Onu, Ue: non più campioni della democrazia
  • Napoli: frode fiscale da oltre 150 milioni
  • Mediterraneo, migranti: oltre 70 dispersi
  • Meteo: Tracollo termico da sabato 23 giù di 10°C, previsioni su Nord, Centro, Sud, e Isole
  • Vertice Merkel-Macron pre Consiglio Europeo: si ascolteranno richieste governo italiano
  • Nuovo stadio Roma: continuano gli interrogatori nell'inchiesta per corruzione
  • XXXTentacion, astro nascente dell'hip hop, ucciso a colpi di pistola in Florida
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Mafia: colpo a uomini Messina Denaro, 12 arresti - il "re dell'eolico" "signore del vento"

Mafia: colpo a uomini Messina Denaro, 12 arresti - il \
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

Mafia: colpo a uomini Messina Denaro, 12 arresti dii cui il "re dell'eolico" "signore del vento"
TRAPANI , 13 MARZO - Oltre 100 uomini tra Carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani, del Raggruppamento operativo speciale e della Dia, stanno eseguendo 12 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Palermo su richiesta della Dda. Gli arrestati sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, favoreggiamento e fittizia intestazione di beni, tutti aggravati da modalità mafiose. L'operazione nasce da un'inchiesta avviata nel 2014 su esponenti delle famiglie di Vita e Salemi, ritenuti favoreggiatori del capomafia latitante Matteo Messina Denaro. 

Le indagini, coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Paolo Guido, hanno consentito di individuare i capi dei due clan e di scoprire gregari ed estorsori delle cosche. Gli arrestati, servendosi anche di professionisti nel settore di consulenze agricole e immobiliari, sarebbero riusciti attraverso società di fatto riconducibili all'organizzazione mafiosa ma fittiziamente intestate a terzi a realizzare notevoli
investimenti in colture innovative per la produzione di legname e in attività di ristorazione.  


E' soprannominato il "re dell'eolico", il "signore del vento", perché è stato tra i primi in Sicilia a puntare sulle energie pulite: è Vito Nicastri, imprenditore trapanese finito in carcere oggi insieme ad altre 11 persone sospettate di aver coperto e finanziato la latitanza del boss ricercato Matteo Messina Denaro.

Quello di Nicastri non è un nome nuovo per i carabinieri e il personale della Dia che hanno condotto l'ultima inchiesta sui presunti favoreggiatori del padrino di Castelvetrano: i suoi legami col boss gli sono costati sequestri per centinaia di milioni di euro. Di lui, tra gli altri, ha parlato il pentito Lorenzo Cimarosa, nel frattempo morto, indicandolo come uno dei finanziatori della ormai più che ventennale latitanza di Messina Denaro. Il collaboratore di giustizia ha raccontato di una borsa piena di soldi che Nicastri avrebbe fatto avere al capomafia attraverso un altro uomo d'onore, Michele Gucciardi.

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image