Migranti: il vascello Alex accolto da Malta

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 5 Luglio - "A seguito di contatti tra i Governi maltese e italiano, è stato deciso che a Malt...

ROMA, 5 Luglio - "A seguito di contatti tra i Governi maltese e italiano, è stato deciso che a Malta trasferirà 55 migranti  che sono stati salvati in mare al largo della Tunisia e che sono a bordo della nave Alex, a bordo di una nave delle forze armate di Malta e saranno accolti a Malta". E' il comunicato rilasciato dal Governo maltese, nelle prime ore della mattina di oggi, in riferimento alle vicissitudini della nave dell'ONG Mediterranea, battente bandiera italiana. 

Un tipologia di accordo tra i due Governi, figlio anche dalle dichiarazioni del Ministro Salvini sempre in linea sulla sua posizione fermamente intransigente: "Se non si dirigeranno verso Malta, è chiaro che sarà l'ennesimo atto di disobbedienza, violenza e pirateria, io non mollo! Le autorità maltesi hanno dato alla nave dei centri sociali indicazione di dirigersi verso il porto di La Valletta, dove potranno attraccare". Aggiunge poi  Salvini un passaggio fondamentale per la vicenda, infatti nella notte è stato firmato insieme ai Ministri Trenta e Toninelli, il decreto di divieto di ingresso, transito e sosta in acque territoriali italiane per la nave Alex

Una firma che stringe ancor più il patto di collaborazione tra le due fazioni del governo giallo-blu. Da Lampedusa intanto la Guardia Costiera, sta procedendo al trasferimento in motovedetta dei migranti al porto de La Valletta.

 Le accuse dell'ONG verso il Governo italiano, sottolineate da un tweet della stessa Mediterranea, evidenziano l'illegittimità del decreto appena firmato, visto che non si può applicare ad una nave che ha effettuato un'operazione di soccorso a tutela della vita umana in mare. Ed ancora più illegittimo è il fatto che non può essere vietato l'ingresso nelle acque del proprio Paese ad una bandiera italiana.

 Non si tratta di Europa, la bandiera italiana è "roba nostra". E' una diversa prospettiva, sulla quale bisognerebbe forse mettersi, nel dire "aiutiamoli a casa loro", il senso  della frase non cambia, quello che cambia dovrebbero essere  solamente le "case" da aprire.

Laura Fantini

fonte immagine cisiamo.info

InfoOggi.it Il diritto di sapere