Piazza Affari, Resoconto della giornata (15/04/2013)

5
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 15 APRILE 2013 – La settimana finanziaria di Piazza Affari inizia all’insegna de...

MILANO, 15 APRILE 2013 – La settimana finanziaria di Piazza Affari inizia all’insegna del rosso: il Ftse Mib ha chiuso la seduta a -0,96% a 15.628 punti. Questo, nonostante la chiusura da record per il primo giorno dell'asta Btp Italia, con una domanda di circa 9 miliardi di euro. In particolare, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, in una nota, ha annunciato di voler chiudere in anticipo la fase di raccolta ordini per il Btp Italia, «in considerazione dell’andamento del collocamento nella prima giornata che ha registrato contratti per un controvalore di 8.984.117.000 euro. La chiusura anticipata avverrà domani 16 aprile 2013 alle ore 17,30». Lo spread Btp-Bund oggi ha chiuso in lieve aumento a 309 punti base, rispetto ai 306 punti della chiusura di venerdi' scorso e il rendimento del Btp a 10 anni al 4,33%.

In flessione anche le altre consorelle europee: il Cac 40 (-0,5% a 3.710 punti), il Ftse 100 (-0,64% a 6.344 punti), il Dax (-0,41% a 7.712 punti) e l'Ibex 35 (-0,33% a 8.014 punti). A condizionare le Piazze europee e - al momento anche i listini americani, i poco incoraggianti dati macro USA diffusi in giornata. Infatti, per il terzo mese consecutivo, la fiducia dei costruttori americani è diminuita, sfiorando i minimi dello scorso ottobre a quota 42 punti, disattendendo le aspettative degli analisti che avevano stimato un aumento a 45. Inoltre, l'indice Empire State Manufacturing realizzato dalla Fed di New York ad aprile ha toccato i 3,05 punti, in diminuzione dai 9,24 punti di marzo e inferiore ai 7 punti il consenso.

A Milano, sul listino principale, chiudono in positivo: Banca Popolare di Milano che ha chiuso a +2.54%, a 0.5245 guadagna, Lottomatica (+2.26%, a 18.590), Mediobanca +1.38% a 4.420) e Mediolanum che a 4.300 sale dell’1.32%. Tra i peggiori, Fiat che a 4.0480 in flessione del 4.21%, Buzzi Unicem (-3.40% a 11.070), Telecom (-3.23% a 0.6150) e Tenaris (-3.17a 14.990).

Rosy Merola
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere