Piazza Affari, Resoconto della giornata (20/06/2013)

3
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 20 GIUGNO 2013 – Profondo rosso per le borse europee che sono state trascinate gi&agra...

MILANO, 20 GIUGNO 2013 – Profondo rosso per le borse europee che sono state trascinate già dalle dichiarazioni fatte ieri dal numero uno della Fed, Ben Bernanke. A Milano, il Ftse Mib ha chiuso in calo del 3,09% a 15.549 punti. Sulla stessa lunghezza d’onda le consorelle europee: il Cac 40 ha fatto peggio di Piazza Affari, chiudendo a -3,66% a 3.699 punti, il Dax 30 il 3,28% a 7.928 punti, il Ftse 100 il 2,98% a 6.160 punti e l'Ibex 35 il 3,41% a 7.822 punti. A causa di ciò, in Europa in fumo 230 mld. Si impenna anche lo lo spread tra il Btp e il Bund tedesco, che ha chiuso a 287 punti base , col tasso sul decennale in crescita al 4,52%.

In sostanza, non è piaciuto ai mercati finanziari l’annuncio del presidente della Fed, secondo cui - a metà del prossimo anno – la Banca centrale potrebbe interrompere il piano di acquisti titoli avviato per stimolare l'economia. Così, al momento della scrittura, male anche i principali indici Usa: il Dow Jones in flessione dell'1,26% a 14.922 punti, lo S&P a -1,4% a 1.606 punti e il Nasdaq a -1,44% a 3.393 punti. Risentono del contraccolpo anche le quotazioni delle commodity: il petrolio in calo sotto 97 dollari e il prezzo dell'oro è arretrato al minimo da quasi tre anni.

Stamattina, male anche i principali indici asiatici, a causa sia della Fed, che le voci di una possibile stretta del credito in Cina: Hong Kong (-2,64%), Shangai (-2,34%), Seul (-2%) e Tokyo (-1,74%). L’indice Msci ha chiuso a -3,6%.

A Piazza Affari, sull’indice principale, giornata nera per il comparto bancario: Unicredit (-4,09%), Mps (-3,75%), Intesa Sanpaolo (-4,06%), Ubi Banca (-3,58%), Banco Popolare (-2,97%), Mediobanca (-2,76%), Bpm (-5,46% a 0,362 euro). Peggio di tutti fa Bper che sprofonda a -8,07% (a 4,73 euro). Male anche Telecom Italia (-4,59% a 0,509 euro).
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere