Piazza Affari, Resoconto della giornata (24/06/2013)

7
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 24 GIUGNO 2013 – Parte male la settimana finanziaria per Piazza Affari, dove il Ftse M...

MILANO, 24 GIUGNO 2013 – Parte male la settimana finanziaria per Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha chiuso in flessione dello 0,93% a 15.112 punti base, condizionato dallo stacco delle cedole, dal rischio di un credit crunch in Cina che – tra le altre cose – oggi Goldman Sachs ha deciso di tagliare le stime del Pil per quest'anno e per l'anno prossimo a causa dei deboli indicatori economici e di una stretta sul credito. Infine, nervosismo è stato provocato anche dall’attesa per la sentenza del Processo Ruby – in cui Silvio Berlusconi è stato condannato a sette anni di reclusione e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici nell'ambito del processo Ruby - che ha fatto sprofondare il titolo Mediaset a -5,3% a 2,392 euro e Mondadori del 6,3% a 0,825 euro.

Peggio di Milano hanno fatto le altre consorelle: Cac 40 -1,71% a 3.595 punti, Dax 30 -1,24% a 7.692 punti, Ftse 100 -1,42% a 6.029 punti, Ibex 35 -1,91% a 7.553 punti. La mattinata era iniziata già male per via dell’atteggiamento di sostanziale immobilismo da parte della Banca centrale della Cina, che per ora ha dichiarato di voler attuare una politica prudente riguardo alla scarsa liquidità e agli alti costi di finanziamento sul mercato cinese. Così, l'indice Shanghai Composite ha perso il 5,3%. In flessione anche il Dow Jones a -1,5%, lo S&P 500 -1,9% e il Nasdaq Composite -1,75%. Ha preso la rincorsa anche lo spread tra Btp e Bund, che ha chiuso a 301 punti base - ai massimi da aprile - con il rendimento del Btp in rialzo al 4,82%.

A Piazza Affari, sul Ftse Mib: Enel (-6,4%), Exor (-4,24%), Terna(-4,78%), A2A (-7,78%) e Stm (-3,48%). Misti i bancari: Bpm (-7,5% a 0,3342 euro), Mps (-0,71%), Mediobanca (-0,5%) e Banco Popolare (-0,7%), Bper (+1,47%), Unicredit (+2,2%), Intesa Sanpaolo (-1,23%) e Ubi Banca (+2,14%). In luce anche Fiat (+3,8% a 5,33 euro) e Buzzi Unicem (+1,42% a 11,43 euro) dopo che Banca Akros ha alzato la raccomandazione da reduce ad accumulate, con target price che passa da 11,1 a 13,6 euro. Sotto la parità i titoli del comparto lusso:. Salvatore Ferragamo (-2,82% a 22,05 euro), Tod's (-1,96%) e Luxottica (-0,91%).

Rosy Merola
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere