Piazza Affari, Resoconto della giornata (27/06/2013)

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
MILANO, 27 GIUGNO 2013 – Piazza Affari si riprende dalla partenza fiacca, archiviando la sedu...

MILANO, 27 GIUGNO 2013 – Piazza Affari si riprende dalla partenza fiacca, archiviando la seduta al di sopra della parità, con il Ftse Mib in aumento dello 0,44% a 15.430 punti. Chiusura positiva anche per le principali Borse europee: Londra (+1,26%), Francoforte (+0,63%), Parigi (+0,97%) e Madrid (+0,27%). A predisporre favorevolmente le Piazze del Vecchio Continente, i dati macroeconomici made in Usa.

Infatti, dagli Stati Uniti arrivano dati rassicuranti dal mercato del lavoro, dove le richieste di sussidi di disoccupazione, sono diminuita a 346.000 unità (350.000 unità il consenso) dalle 355.000 unità della settimana prima. In aumento le spese personali per consumi del mese di maggio, che si portano a +0,3%, in linea al consenso, rispetto al dato del mese precedente rivisto da -0,2% a -0,3%. Inoltre, buona la performance dell'indice "pending home sale", in progresso del 6,7% mensile portandosi ai massimi da sei anni a 112,3 punti.

Intanto, positiva l’asta odierna dei titoli di Stato italiani. Il Tesoro ha collocato tutti i 5 miliardi di euro pianificati di Btp a 5 e 10, registrando un aumento dei rendimenti per entrambi i titoli, rispettivamente dal 3,01% al 3,47% per i primi, mentre il rendimento del decennale è salito dal 4,14% del collocamento al 30 maggio al 4,55% di oggi. Lo spread tra il Btp e il Bund tedesco ha chiuso in flessione a 284 punti base dai 293 di ieri, col tasso sul decennale in discesa al 4,56%.

A Piazza Affari, sul paniere principale, chiusura mista per i bancari: in negativo Bper (-3,23% a 4,552 euro) e Bpm (-2,81% a 0,3512 euro). Segno positivo per Ubi Banca (+1,33%) e Banco Popolare (+3,5%). Maglia rosa a Milano per Mediaset (+7,79% a 2,822 euro). Bene anche Fiat Industrial (+1,4% a 8,72 euro), Ansaldo(+2,19% a 7,45 euro), Prysmian (+2,14% a 14,8 euro), Tenaris (+2,85% a 15,52 euro). Le vicende giudiziarie concernenti il Lodo Mondadori, hanno avuto un’influenza positiva sul titolo Mondadori (+4,44% a 0,94 euro) e Cir (+2,76%). Sotto la parità Rcs (-0,34%).

Tra le materie prime, ancora in calo l'oro che, nella seduta di New York, viaggia sui valori minimi degli ultimi tre anni a 1.212,50 dollari l'oncia, il livello più basso dall'agosto 2010. In salita, invece la quotazione del petrolio che si porta a 97,03 dollari al barile (+1,60%), questo per via dello stemperare dei timori per la stretta del credito in Cina e per le dichiarazioni della Fed. Infine, sul mercato dei cambi, l’euro è scambiato sul dollaro americano a 1,3038 (+0,20%).
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere