Caso Andrea Loris: il mistero delle fascette

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
RAGUSA, 7 DICEMBRE 2014 - Nuovi particolari sono emersi nelle ultime ore dalle indagini degli inquir...

RAGUSA, 7 DICEMBRE 2014 - Nuovi particolari sono emersi nelle ultime ore dalle indagini degli inquirenti sulla morte del piccolo Andrea Lorsi Stival.

Dopo le prime ricostruzioni, effettuate grazie ai filmati in cui si vede l'auto di Veronica Panarello nei pressi del Mulino Vecchio, in cui è stato poi ritrovato il corpo di Andrea Loris, sarebbero emersi nuovi particolari da approfondire per poter far luce sulla vicenda.

Si tratterebbe di elementi delicati: si apprende infatti che, alcuni anni fa, Veronica Panarello, quando era poco più che adolescente, avrebbe tentato il suicidio con delle fascette da elettricista.

Oggi, proprio questo particolare delle fascette, è diventato importante per l'inchiesta. La donna avrebbe per l'appunto cercato di togliersi la vita nello stesso modo con cui, a distanza di anni, è stato ritrovato senza vita il figlio. 

E' su questa particolare coincidenza che gli inquirenti hanno focalizzato l'attenzione, dato che nei giorni scorsi, quelle stesse fascette la madre le aveva consegnate alle insegnanti, alle quali avrebbe detto: "Queste le aveva Loris per il compito di scienze. Saranno della scuola, ve le restituisco".

A seguito dei sospetti mediatici, Veronica Panarello ha deciso di rompere il silenzio, dopo diversi giorni in cui si era barricata in casa, protetta dal marito e dall' intera famiglia. A chi l'accusa dell'omicidio del figlio la donna risponde: "Mi sento offesa da chi diffonde sul mio conto informazioni false. Mi hanno già processata e condannata, ma io sono innocente e ho detto la verità. L’ho detto e lo ripeto: quella mattina ho portato Loris a scuola. Confermo anche il tragitto che ho già spiegato di aver fatto, la vigilessa mi ha vista, chiedete a lei".

"State esagerando", aggiunge l’avvocato della donna, Francesco Villardita, riferendosi ai giornalisti. "La signora non è indagata ed è sostenuta da suo marito e da tutta la famiglia. La sola cosa che vogliono tutti in questo momento è riavere Loris e trovare chi l’ha ucciso".

(foto:corriere.it)

Filomena I. Gaudioso

InfoOggi.it Il diritto di sapere