Coppa Italia: Catanzaro-Rende 1-2: Aquile eliminate, per i biancorossi adesso c'è la Reggina

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO, 29 AGOSTO – Il Rende sbanca il “Ceravolo” di Catanzaro battendo per 2-1...

CATANZARO, 29 AGOSTO – Il Rende sbanca il “Ceravolo” di Catanzaro battendo per 2-1 i padroni di casa. Una sconfitta che significa eliminazione per la compagine allenata da Alessandro Erra. Rende che invece rimane in corsa e si giocherà la qualificazione contro la Reggina.

Dopo la sconfitta esterna contro la Reggina, per il nuovo Catanzaro targato Noto arriva il secondo stop stagionale in Coppa Italia di Serie C. Il Rende porta a casa il massimo risultato con il minimo sforzo. Non basta la spinta dei giallorossi nella ripresa, gli ospiti “chiudono” la porta e grazie alle reti di Felleca e Marchio portano a casa un’importante vittoria ai fini della qualificazione al prossimo turno. La cronaca del match.

Dopo appena 35 secondi subito una grande occasione per il Catanzaro: Marin calcia dal limite dell’area di rigore ospite e manda il pallone alto. Al 7’ il Catanzaro regala il vantaggio al Rende: Sabato azzarda un retropassaggio al portiere ma Felleca capisce tutto, ruba palla e dopo aver saltato Nordi fa 1-0 per gli ospiti. Al 9’ minuto biancorossi ancora in avanti: cross dalla destra e colpo di testa da parte di Vivacqua che termina sul fondo. Al 18’ bel calcio di punizione battuto da Falcone, il suo destro termina a pochi centimetri dal palo sinistro difeso da De Brasi. Al 29’ ci prova dalla distanza il giallorosso Marin, doppia deviazione, tra cui la parata di De Brasi, e palla in corner. Si va a riposo con il Rende in vantaggio di un gol.

Il Rende parte subito col botto nella ripresa: fallo di Marchetti su Franco nell’area di rigore giallorossa e calcio di rigore sacrosanto assegnato ai biancorossi. Sul dischetto si presenta lo stesso Franco che spiazza Nordi e fa 2-0 per gli ospiti. Al 56’ il Catanzaro prova ad affidarsi ai tiri dalla distanza: ci prova Kanis, palla sull’esterno della rete. Al 58’ il Catanzaro prova a scuotersi: Kanis inquadra la porta ma trova pronto De Brasi che para con facilità. Pochi istanti dopo gran tiro a giro di Marin e palla sul fondo di un nulla. Al 60’ nuova conclusione del Catanzaro, Zanini questa volta trova il muro della difesa biancorossa. Al 67’ girata di testa da parte di Lukanovic, palla ancora una volta fuori misura. Al 70’ il Catanzaro accorcia le distanze: batti e ribatti in area di rigore biancorossa e deviazione finale di Marchio, che mette involontariamente la palla alle spalle del proprio portiere. All’83’ Spighi subisce un fallo all’interno dell’area biancorossa, per l’arbitro è calcio di rigore a favore del Catanzaro. Sul dischetto si presenta Benedetti che calcia malamente e manda il pallone alto. Al 90’ il Rende rimane in dieci uomini per un brutto fallo di Actis Goretta su Marchetti.

IL TABELLINO
Catanzaro-Rende 1-2 (primo tempo 0-1)

MARCATORI: al 7’ Felleca (R), al 47’ rig. Franco (R), al 70’ aut. Marchio (R).
CATANZARO: Nordi, Sabato (dal 64’ Imperiale), Maita, Zanini, Marin (dal 72’ Benedetti), Riggio, Marchetti, Spighi, Kanis, Lukanovic, Falcone (dal 57’ Puntoriere). A disposizione: Marcantognini, Van Ransbeeck, Cunzi, Gambaretti, Onescu, Pellegrino, Sirri. All.: Alessandro Erra.

RENDE: De Brasi, Viteritti (dal 57’ Gigliotti), Boscaglia, Marchio, Germinio, Coppola, Felleca (dall’80’ Actis Goretta), Franco, Vivacqua, Godano, Savatteri (dal 67’ Pambianchi). A disposizione: Forte, Sanzone, Ricciardo, Rossini, Blaze, Porcaro, Laaribi. All.: Bruno Trocini.
Arbitro: Mario Cascone di Nocera Inferiore. Assistenti: Pierluigi Della Vecchia di Avellino e Lorenzo Abagnara di Nocera Inferiore.

NOTE – Pomeriggio piovoso, terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 1.379 (2 tifosi del Rende presenti nel settore ospiti) per un incasso di 6.115,00 €. Ammoniti Marin per il Catanzaro; Germinio per il Rende. Espulso Actis Goretta (R) per condotta di gioco non regolamentare Recuperi p.t. 0′ e s.t. 5′.

CLICCA QUI PER I commenti dei tecnici negli spogliatoi

InfoOggi.it Il diritto di sapere