• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Fita: Campionato italiano Taekwondo cadetti 2011

Calabria

CATANZARO, 16/17 APRILE - Una due giorni sorprendente sotto tutti i punti di vista, quella che i catanzaresi hanno vissuto in questo weekend, durante il quale, il capoluogo calabrese ha ospitato, presso il “Palagallo”, il “Campionato italiano Taekwondo cadetti 2011”, cinture rosse e nere.

Disciplina e puntualità le peculiarità di questo sport che in tanti, da anni ormai, hanno imparato ad amare e ad apprezzare. Già da sabato mattina gli atleti, tutti giovanissimi, di età compresa tra i 13 e i 14 anni, combattono sul campo di gara di fronte alla giuria. Tre i quadrati di combattimento per i 200 atleti provenienti da tutta Italia.[MORE]

Ciò che lascia sgomenti i non addetti ai lavori ed i profani di questo sport, presenti numerosi sugli spalti, è l’organizzazione dettagliata e sofisticata della Fita, Federazione italiana Taekwondo. Ogni campo, infatti, oltre alla propria giuria, è dotato di un led segnapunti e di uno schermo per il video replay. Le manifestazioni ufficiali di Taekwondo sono caratterizzate dalla precisione sul punteggio. Ad ogni atleta che gareggia, difatti, viene assegnata una corazza o blu o rossa ed un caschetto, dotati di sensori in grado di stabilire se il colpo inferto è valido come punto.

Tralasciando, tuttavia, l’aspetto puramente avanguardistico di una disciplina olimpica tra le più stimate al mondo, quello che stupisce è la disciplina ed il rigore di questi piccoli atleti che anche davanti alla sconfitta, seppur con qualche lacrima, incassano il colpo come insegnamento per far meglio in futuro e lezione di vita. È fondamentale, specie in una regione come la Calabria, dove il Taekwondo è praticato da ben 2500 atleti, che arrivi questo messaggio di competizione pura, rispetto per l’avversario e per i giudici ed è fondamentale che una manifestazione di rilevanza nazionale, come il “Campionato italiano Taekwondo cadetti 2011”, abbia trovato il suo spazio e la rilevanza che merita.

<<La Calabria è una regione molto presente ed è di grande interesse per noi – sottolinea il presidente nazionale Fita, Park Sun Jae – tanti giovani atleti del passato oggi ricoprono ruoli fondamentali per la federazione. Il Taekwondo è uno sport che negli anni ha subito una enorme crescita e la Calabria ha saputo ben adeguarsi!>>.

Assieme al presidente Park Sun Jae, nome illustre per lo sport italiano, in occasione dei Campionati, sono giunti in Calabria tutti i membri del Consiglio nazionale Fita che hanno dato ancor più lustro alle competizioni. <<Sono molto felice che Catanzaro sia riuscita ad ospitare una kermesse di così notevole importanza – chiarisce Salvatore Urzino, presidente del comitato regionale calabrese Fita – Fino a venerdì mattina, purtroppo era tutto in forse, a causa dell’inagibilità del palazzetto. Fortunatamente grazie all’intervento speciale dell’amministrazione comunale tutto è andato per il meglio>>.

Sostenuto dall’amministrazione provinciale di Catanzaro, il “Campionato italiano Taekwondo cadetti 2011” è anche l’occasione per approfondire e conoscere più da vicino una materia universitaria per alcuni studenti della facoltà di Scienze Motorie dell’Università Magna Graecia di Catanzaro. È stato , infatti, programmato in seno al campionato un workshop per gli iscritti al corso di Taekwondo <<Per loro – spiega il conigliere nazionale Fita, Salvatore Chiodo – è l’opportunità di studiare e rendersi conto fattivamente di un aspetto, quello agonistico, del Taekwondo. Questi campionati, inoltre, con la presenza di atleti provenienti da ogni parte d’Italia, Nord, Centro e Sud, evidenziano, nell’anno del centocinquantesimo anniversario dell’Unità, di come lo sport unisca veramente tutti e di come l’Unità d’Italia sia reale>>.

E non poteva mancare la presenza di un Istituto scolastico catanzarese, come il Don Milani, che ha consegnato una targa ricordo al presidente Park Sun Jae. L’intervento di tutti i consiglieri nazionali offre, per di più, la possibilità di prendere decisioni e stabilire importanti direttive anche per le Olimpiadi di “Londra 2012”, durante il Consiglio Nazionale svolto sabato sera.

Notevoli gli avvenimenti importanti del mondo sportivo, di cui Catanzaro è stata testimone in questi due giorni <<Siamo alla vigilia dell’anno olimpico ed è un onore, per Catanzaro, ospitare un evento tanto fondamentale per lo sport come un campionato italiano di una disciplina tra le più apprezzate alle olimpiadi e Il Coni non poteva mancare all’appuntamento>>, rimarca Antonio Sgromo, presidente del Coni, Comitato provinciale di Catanzaro.

<<Questi ragazzi – aggiunge Angelo Cito, segretario generale Fita - sono il futuro, il vivaio della nostra nazionale. È su questi campi di gara che nascono e crescono i futuri rappresentanti dell’Italia alle olimpiadi ed alle competizioni internazionali>>. Olimpiadi ormai vicinissime, ma ancora più vicini sono i Campionati Mondiali Sniores, che si terranno a Gyeongju in Corea, dal 1 al 6 maggio prossimi, e dove in questo momento, assieme alle altre, si sta già allenando la nazionale italiana.

 

Scarica i risultati dei podi in pdf:

Sabato 16 Aprile

Domenica 17 Aprile