Giornata di lavoro sulle soluzioni e tecnologie ICT, organizzata dal CNR a Moncalieri (TO)

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
Riceviamo e pubblichiamo Lunedì 31 Maggio 2010 dalle 9.00 alle 18.30 Colleg...

 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Lunedì 31 Maggio 2010 dalle 9.00 alle 18.30
Collegio Carlo Alberto -Via Real Collegio 30, Moncalieri (TO)

Si terrà la riunione annuale

Progetto finanziato dalla Regione Piemonte,
Bando Converging technologies 2007

 

 

L’Ateneo di Torino e l’Ateneo del Piemonte orientale, unitamente a tre istituti del CNR, all’Università di Bologna e a numerose aziende piemontesi, stanno sviluppando il progetto ICT4LAW, finanziato dalla Regione Piemonte. La durata del progetto è prevista in tre anni. A poco più di un anno dall’inizio si organizza una giornata di lavoro interna, con inviti nei confronti di interlocutori interessati, per verificare e confrontare lo stato delle ricerche in corso. L’incontro, di una giornata, è previsto presso il Collegio Carlo Alberto, a Moncalieri, il prossimo 31 maggio.
La premessa del progetto è che il diritto nella società contemporanea sta diventando una variabile complessa, derivante, da un lato, dalla sovrapproduzione normativa e, dall’altro, da una regolazione che diventa sempre più multilivello e di derivazione transnazionale, il che comporta problemi di interpretazione di un diritto spesso formato in contesti multi linguistici, quale è il caso dell’Unione europea.
L’obiettivo del progetto è pertanto quello di sviluppare soluzioni e tecnologie ICT che vadano oltre lo stato dell'arte e che fungano da supporto per il miglioramento della qualità normativa, della accessibilità e della applicazione delle norme in ambiti differenti. In particolare:
- Le pubbliche amministrazioni devono poter adeguare i loro processi amministrativi al cambiamento normativo e rendere la loro attività trasparente e misurabile sulla base degli obiettivi normativi posti loro da una regolazione a più livelli.
- Le imprese devono poter avere strumenti che facilitino la programmazione delle attività e il controllo di gestione sulla base di una analisi della normative di riferimento nei diversi contesti operativi aziendali, spesso internazionalizzati.
- I legislatori hanno bisogno di strumenti per gestire in maniera efficace il drafting legislativo, tenuto conto della necessità di produrre norme coordinate e coerenti, in considerazione anche dei diversi livelli nei quali si esplica l’attività legislativa (regionale, nazionale, europea).
- I regolatori e i decisori pubblici devono poter valutare l’impatto anche potenziale di normative e regolamentazioni.
Le tecnologie avranno origine dalla convergenza di metodologie ICT e scienza cognitiva, quali la rappresentazione della conoscenza, l’analisi automatica del linguaggio naturale e la modellazione per il tramite di agenti. Queste metodologie, laddove correttamente applicate al contesto giuridico, possono risultare essenziali per organizzare in maniera efficiente e dinamica la conoscenza giuridica, così come per recuperare informazioni non strutturate di rilevanza giuridica, o per effettuare simulazioni sull’impatto delle normative, anche attraverso lo sviluppo di programmi basati su un modello cognitivo del ragionamento umano.
Per realizzare questa convergenza in maniera proficua nell’ambito delle soluzioni normative è stata costituita una rete di ricerca compiutamente interdisciplinare e con potenzialità per un efficace trasferimento tecnologico pubblico-privato. La rete è costituita dalle unità presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche di Torino (coord. Gianmaria Ajani); Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie "G. Prato" di Torino (coord. Pietro Terna) Dipartimento di Informatica di Torino (coord. Guido Boella); Dipartimento di Studi per l'Impresa ed il Territorio del Piemonte Orientale (coord. Piercarlo Rossi); Dipartimento di Informatica del Piemonte Orientale (coord. Laura Giordano); CERIS, CNR - Torino (coord. Giuseppe Calabrese); ITTIG, CNR (coord. Daniela Tiscornia); ISTC, CNR (coord. Nicola Guarino); CIRSFID, Università di Bologna (coord. Monica Palmirani); Augeos s.r.l. (coord. Claudio Ruffini); CELI s.r.l. (coord. Luca Dini); Comdata s.p.a. (coord. Claudio Ratti); Convey s.r.l. (coord. Giuseppe Provera), SSB Progetti s.r.l. (coord. Luigi Magnanini).
L’attività delle diverse unità sono complessivamente dirette dal Prof. Gianmaria Ajani, responsabile del progetto, dal Prof. Pietro Terna, vice-responsabile e dal Prof. Guido Boella, coordinatore scientifico.
Per il dettaglio dell’evento e il programma degli interventi
http://di.unito.it/ict4lawprogramma
Per ulteriori informazioni scrivere a boella@di.unito.it
 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere