• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Oggi terza prova di maturità: lo scritto del terrore

Lazio

ROMA- Ieri giorno di riposo tra le prime due prove e l’ultima. Stamattina gli studenti si troveranno ad affrontare la vera grande prova di abilità: la terza prova o ‘quizzone’, lo scritto più temuto da tutti gli studenti. I 500 mila candidati si troveranno davanti dei test, preparati non più dal ministero ma dalle proprie commissioni, che verteranno su non più di cinque discipline e nonostante siano in linea con le esercitazioni che i ragazzi hanno svolto durante l’anno resta comunque in testa alla classifica del terrore. [MORE]

Gli studenti potrebbero trovarsi davanti ad un elaborato sintetico oppure con quesiti a risposta singola, dieci o quindici, o multipla, trenta o quaranta, con problemi a soluzione rapida, che non devono essere più di due. Per alcuni indirizzi specifici è prevista invece la realizzazione di un progetto.
Tuttavia nelle intenzioni del ministro Gelmini c’è il fatto di modificare al più presto questa prassi in favore di un esame più in linea con le direttive europee. Probabilmente il ministro affiderà all’Istituto per la valutazione del sistema di istruzione (Invalsi) la creazione di test uguali per tutti, elaborati con criteri standard in modo che la valutazione dei ragazzi sia paritaria in tutte le regioni.
Oggi l’ultimo sforzo per superare gli scritti, in seguito inizieranno le prove orali e poi per i nostri studenti, è proprio il caso di dirlo, il meritato riposo.