Ritrovata la moto di Gabriele De Tursi, scomparso nel nulla il 5 giugno 2013

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CROTONE, 27 APRILE 2014 – Ci sono delle novità per quanto riguarda la scomparsa del gio...

CROTONE, 27 APRILE 2014 – Ci sono delle novità per quanto riguarda la scomparsa del giovane Gabriele De Tursi, di cui si sono perse le tracce in provincia di Crotone il 5 giugno 2013. Nella mattinata di ieri, infatti, i carabinieri della Stazione di Strongoli (KR) hanno ritrovato la moto che il ragazzo, fresco di diploma da elettricista, stava utilizzando il giorno in cui è sparito.

L’Honda Hornet 600 blu è stata rinvenuta in campagna nei pressi della strada statale 492, in un tratto da tempo interdetto alla circolazione a causa di una frana. Il motociclo è apparso in buone condizioni, senza alcun danno che faccia pensare al coinvolgimento in un sinistro stradale, una delle ipotesi che in questi mesi era stata considerata plausibile.

Adesso che il mezzo è a disposizione degli inquirenti, sono diversi i fattori di rilievo che i carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Crotone stanno approfondendo per cercare di far luce sulla vicenda. Prima di tutto il luogo del ritrovamento era stato perlustrato nei giorni immediatamente successivi la scomparsa di Gabriele De Tursi, ma non era stata trovata alcuna traccia della motocicletta. È possibile che le ricerche non siano state condotte nel migliore dei modi oppure la moto è stata abbandonata sul luogo in un secondo momento? Un elemento sospetto che induce a credere a questa seconda possibilità è che l’Honda Hornet si trova in discreto stato di conservazione e dunque pare improbabile che dopo dieci mesi non presenti segni di usura dovuti a un’eventuale esposizione continua agli agenti atmosferici. A questo punto le tesi di incidente o di allontanamento volontario vacillano, mentre si fa più concreta l’ipotesi che qualcuno abbia portato il veicolo nel luogo del ritrovamento; se questa pista dovesse trovare delle conferme, affiorerebbero una lunga serie di interrogativi: chi ha spostato la moto e dove l’aveva nascosta per quasi un anno? Qualcuno ha fatto del male a Gabriele? Per quale motivo? Per il momento possiamo solo aspettare che le indagini facciano il proprio corso, anche se il contributo di potenziali testimoni potrebbe rivelarsi decisivo.

(Foto da: chilhavisto.rai.it)

Vanna Chessa

InfoOggi.it Il diritto di sapere