• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Arriva con Star Comics la teletecnopatia di Livewire

Lazio > Roma

Roma, 5 febbraio 2020 - Introspezione psicologica, vibrante coinvolgimento emotivo, dinamiche sequenze di azione sin dalle prime pagine e davvero una sorprendente connotazione del personaggio Amanda McKee, conosciuta nell’universo Valiant come Livewire. 

Inevitabile dire subito bravi ai diversi autori che, grazie a Star Comics, hanno permesso al pubblico italiano di apprezzare questa tecno-eroina dotata di super poteri teletecnopatici. 

È, infatti, con questa dotazione che Livewire riesce ad avere accesso ad ogni diavoleria digitale e, ovviamente, a tenerla sottocontrollo, non certo però per scopi malevoli. Anzi tutt’altro. 

E la dimostrazione è evidente già dalle tavole del primo arco narrativo – “Ricercata” – con cui l’eccellente Raul Allen ci offre una costruzione delle tavole, tutte estremamente dinamiche, in cui viene fuori l’anima salvifica del personaggio. 

Un personaggio combattuto interiormente, ma che empaticamente riesce a prendere il lettore al punto da fargli percorrere tutti quei sensi di colpa che Livewire sente di avere per le vicende che ne hanno caratterizzato – e ne continueranno a caratterizzare – il proprio processo di maturazione. 

Nessuno scampo quindi per chi deciderà di seguire questa serie che, già nel secondo volume – “Guardiana” – vede l’eroina psiota addentrarsi in indagini riguardanti il Programma di istruzione e sicurezza per psioti, al fine di tutelare bambini e giovani con poteri che non sanno gestire. 

Un comic, tra l'altro, quasi profetico anche perché apre a riflessioni sulla dittatura dei media e di come questa condizioni le persone, favorendo la distorsione di avvenimenti e generando modelli di comportamento che, in molti casi, conducono anche a forme di isteria. 

Doveroso l’accenno agli autori che vedono elevarsi l’ottima prova alle sceneggiature di Vita Ayala e le tavole, decisamente preziose, sia del già citato Raul Allen, che di Kano.

Maurizio LOZZI