Chernobyl, appello alle famiglie sarde per l'accoglienza dei bambini biellorussi

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 20 MARZO 2014 - I numeri della solidarietà e dell’accoglienza, quest’an...

CAGLIARI, 20 MARZO 2014 - I numeri della solidarietà e dell’accoglienza, quest’anno vanno a rilento come non mai, complice sicuramente la grave crisi economica che colpisce tante famiglie sarde!

Manca una settimana (26/03/2014) alla scadenza dei termini per aderire al progetto Chernobyl Estate 2014, e il numero delle nuove famiglie aderenti è ancora molto basso, almeno 10 bambini e bambine in attesa di poter per la prima volta essere ospitati dalle famiglie sarde rischiano di non essere inseriti nel progetto!

L’Associazione Cittadini del Mondo si appella alle famiglie della Sardegna al fine di trovare 10 nuove adesioni per l’accoglienza di altrettanti bambini e bambine bielorussi questa estate!

Scopo dell’accoglienza è quello di regalare ai bambini un salutare cambio d’aria, il progetto coinvolge sia bambini degli orfanotrofi, sia bambini che hanno una propria famiglia.

Dopo il disastro di Chernobyl, avvenuto il 26 Aprile 1986, si è sviluppato un grandissimo movimento di solidarietà internazionale volto ad aiutare i bambini bielorussi, vittime indifese del veleno radioattivo che è ricaduto in Belarus per oltre il 70%, il periodo trascorso in Sardegna consente di eliminare almeno in parte le radiazione accumulatesi nell’organismo.

I nuovi bambini potranno essere ospitati per 30 giorni nel mese di Luglio o nel mese di agosto, mentre i bambini già ospitati in precedenza potranno essere ospitati per 3, 2 o 1 mese nel periodo da Giugno – Luglio – Agosto.

Ricordiamo che 26 Marzo 2014 scade il termine ultimo per la consegna delle domande di partecipazione al progetto Chernobyl Estate 2014, dati i tempi ristretti non sarà possibile ottenere nessuna altra proroga!

Per qualunque informazione sul progetto Chernobyl contattare l'Associazione Cittadini del Mondo Onlus.

(Notizia segnalata da Cittadini del Mondo Onlus)

InfoOggi.it Il diritto di sapere