Cinema, morto l'attore Carlo Delle Piane. Fim con Sordi, Fabrizi, Totò, De Sica, Gassman, Avati

1482
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA 24 AGOSTO - E' morto a Roma all'età di 83 anni l'attore Carlo Delle Piane. Aveva da poco feste...

ROMA 24 AGOSTO - E' morto a Roma all'età di 83 anni l'attore Carlo Delle Piane. Aveva da poco festeggiato i 70 di carriera durante i quali aveva lavorato con Sordi, Fabrizi, Totò, De Sica, Gassman e molti altri ancora fino al fortunatissimo decennio con Avati. Nel gennaio 2015 ebbe un'emorragia celebrale che lo aveva portato fino al coma.

Citazioni di Carlo Delle Piane Citazioni in ordine temporale.
Io amo molto i ruoli più impegnativi, più complessi. Mi piace poi esplorare il personaggio che interpreto. Conoscerlo a fondo, cerco di immedesimarmi.
Totò era un grande uomo riservato, forse poteva dare l'idea di una persona triste, molto riservata, mai presuntuosa.
Da sempre ho vissuto il cinema in modo istintivo, animalesco. Giocavo a calcio e quando toccava a me dicevo le mie battute intonate. Era un modo di fare cinema diverso, più genuino. Quasi un gioco.
Molti approfittavano della mia faccia strana, particolare. Ma non ho mai sofferto di questo.
Da Delle Piane: "Solo sul set le mie fobie spariscono"
La Verità, citato in Cavevisioni.it, 28 gennaio 2017.
Non entro nelle sale. Ma credo di non perdermi molto. Amo troppo il cinema per intristirmi con le solite commediole. Forse sono diventato troppo esigente e soprattutto il cinema italiano, così provinciale, mi appare di una semplicità disarmante.

[Sul cinema straniero] Mi piace quello di Clint Eastwood, le sue regie così asciutte e personali. Penso a Million Dollar Baby e a Gran Torino. Non era facile prevederlo cineasta quando lo si vedeva nei panni di un cowboy. Mi piace anche Martin Scorsese. Andando indietro amo molto John Ford e Orson Welles: le nuove tecniche della regia e del montaggio sono nate con Quarto Potere e L'infernale Quinlan. E poi Billy Wilder, il più grande di tutti nelle commedie.
Marlon Brando è stato il vero innovatore, libero di inventare e aggiungere i suoi tic. La recitazione moderna è nata con lui, prima erano tutti così misurati. Senza Marlon Brando non ci sarebbe stato Robert De Niro.
Non amo molto il cinema di Sergio Leone. Lo trovo un po’ ricercato, troppi primi piani.
[Sulla politica italiana] Ne sono totalmente disgustato: vedo solo ipocrisie, false promesse per accaparrarsi i voti, sempre più politici indagati.
Da Carlo Delle Piane: "In 70 anni di carriera Pupi Avati il regalo più bello"
Intervista di Fulvio Fulvi, Avvenire.it, 12 ottobre 2017.
Frequentavo le medie al Pio XI di Roma e gli assistenti del regista Duilio Coletti cercavano tra gli alunni i ragazzi da far recitare nel film Cuore. Feci un provino e mi scelsero per interpretare Garoffi.
Dicevo tra me e me le battute ma non mi rendevo conto di quello che facevo, non capivo l'importanza del mestiere che stavo invece imparando. Era un gioco.
Buster Keaton. Lo studiavo, volevo essere come lui. Ho sempre ammirato la sua essenzialità, l'asciuttezza della recitazione.

Non sono stato sempre apprezzato da colleghi e registi per quello che valevo realmente. L'unico vero amico che ho avuto è stato Aldo Fabrizi. Ma anche lui non era molto amato dai colleghi perché diceva sempre quello che pensava e non scendeva mai a compromessi.
Grande professionista, Sordi. Ci siamo rispettati a vicenda. Era divertente lavorare con lui. Ma non siamo mai diventati amici.
[Riferendosi a Pupi Avati] C'è sempre stato un grande rispetto tra me e il maestro: lui ha capito che io potevo dare molto al cinema e mi lasciava abbastanza libero di inventare i personaggi che lui aveva delineato.

Filmografia parziale Cinema

Cuore, regia di Duilio Coletti (1948)

Domani è troppo tardi, regia di Léonide Moguy (1950)

Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951)

Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1951)

Mamma mia, che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951)

Guardie e ladri, regia di Mario Monicelli e Steno (1951)

Bellezze a Capri, regia di Luigi Capuano e Adelchi Bianchi (1951)

La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)

Un ladro in paradiso, regia di Domenico Paolella (1952)

È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952)

La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)

Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)

L'uomo, la bestia e la virtù, regia di Steno (1953)

Fermi tutti... arrivo io!, regia di Sergio Grieco (1953)

La grande speranza, regia di Duilio Coletti (1954)

Ho ritrovato mio figlio, regia di Elio Piccon (1954)

Un americano a Roma, regia di Steno (1954)

Bella non piangere, regia di Duilio Carbonari (1955)

Da qui all'eredità, regia di David Carbonari (1955)

La ladra, regia di Mario Bonnard (1955)

La ragazza di Via Veneto, regia di Marino Girolami (1955)

I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)

Serenate per 16 bionde, regia di Marino Girolami (1957)

La canzone più bella, regia di Ottorino Franco Bertolini (1957)

Sette canzoni per sette sorelle, regia di Marino Girolami (1957)

Buongiorno primo amore!, regia di Marino Girolami e Antonio Momplet (1957)

La canzone del destino, regia di Marino Girolami (1957)

Le belle dell'aria, regia di Mario Costa (1957)

Non sono più guaglione, regia di Domenico Paolella (1957)

Un colpo da due miliardi (Sait-on jamais...), regia di Roger Vadim (1957)

Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)

Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)

Serenatella sciuè sciuè, regia di Carlo Campogalliani (1958)

Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)

Quando gli angeli piangono, regia di Marino Girolami (1958)

La ragazza di piazza San Pietro, regia di Piero Costa (1958)

L'amico del giaguaro, regia di Giuseppe Bennati (1959)

Spavaldi e innamorati, regia di Giuseppe Vari (1959)

Quanto sei bella Roma, regia di Marino Girolami (1959)

Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)

Un mandarino per Teo, regia di Mario Mattoli (1960)

Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)

La ragazza sotto il lenzuolo, regia di Marino Girolami (1961)

Walter e i suoi cugini, regia di Marino Girolami (1961)

Bellezze sulla spiaggia, regia di Romolo Girolami (1961)

Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)

Le magnifiche 7, regia di Marino Girolami (1961)

Nerone '71, regia di Walter Filippi (1962)

Twist, lolite e vitelloni, regia di Marino Girolami (1962)

Gli italiani e le donne, epis. I galli del Colosseo, regia di Marino Girolami (1962)

Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)

Il monaco di Monza, regia di Sergio Corbucci (1963)

Siamo tutti pomicioni, regia di Marino Girolami (1963)

Totò e Cleopatra, regia di Fernando Cerchio (1963)

Maskenball bei Scotland Yard - Die Geschichte einer unglaublichen Erfindung, regia di Domenico Paolella (1963)

I 4 tassisti, regia di Giorgio Bianchi (1963)

Canzoni, bulli e pupe, regia di Carlo Infascelli (1964)

I ragazzi dell'hully gully, regia di Marcello Giannini (1964)

Veneri al sole, regia di Marino Girolami (1964)

Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)

Perdono, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)

Il sole è di tutti, regia di Domenico Paolella (1968)

Scacco internazionale, regia di Giulio Rosati (1968)

Don Chisciotte e Sancio Panza, regia di Giovanni Grimaldi (1968)

Susanna... ed i suoi dolci vizi alla corte del re (Frau Wirtin hat auch einen Grafen), regia di François Legrand (1968)

L'arcangelo, regia di Giorgio Capitani (1969)

Zum Zum Zum nº 2, regia di Bruno Corbucci (1969)

Pensiero d'amore, regia di Mario Amendola (1969)

Le Avventure Di Gerard, regia di Jerzy Skolimowsky (1970)

Quelli belli... siamo noi, regia di Giorgio Mariuzzo (1970)

Lacrime d'amore, regia di Mario Amendola (1970)

Lady Barbara, regia di Mario Amendola (1970)

All'ovest di Sacramento, regia di Federico Chentrens (1971)

Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, regia di Vittorio Gassman (1972)

Che?, regia di Roman Polański (1972)

Teresa la ladra, regia di Carlo Di Palma (1973)

I 7 magnifici cornuti, regia di Luigi Russo (1974)

La signora gioca bene a scopa?, regia di Giuliano Carnimeo (1974)

L'insegnante, regia di Nando Cicero (1975)

La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)

Una bella governante di colore, regia di Luigi Russo (1976)

Passi furtivi in una notte boia, regia di Vincenzo Rigo (1976)

Tutti defunti... tranne i morti, regia di Pupi Avati (1977)

Jazz Band, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1978)

Le strelle nel fosso, regia di Pupi Avati (1979)

Cinema!!!, regia di Pupi Avati, miniserie tv (1979)

La moglie dell'amico è sempre più... buona (1980)

Dancing Paradise, regia di Pupi Avati (1982)

Una gita scolastica, regia di Pupi Avati (1983)

Noi tre, regia di Pupi Avati (1984)

Festa di laurea, regia di Pupi Avati (1985)

Regalo di Natale, regia di Pupi Avati (1986)

Sposi, regia di Antonio Avati, Pupi Avati, Cesare Bastelli, Felice Farina, Luciano Manuzzi (1988)

I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci (1988)

Il prato delle volpi, regia di Piero Schivazappa (miniserie TV, 1990; ruolo: prete)

Condominio, regia di Felice Farina (1991)

Un amore americano, regia di Piero Schivazappa (1992)

Dichiarazioni d'amore, regia di Pupi Avati (1994)

Io e il re, regia di Pupi Avati (1995)

Ti amo Maria, regia di Carlo Delle Piane (1997)

La via degli angeli, regia di Pupi Avati (1999)

I cavalieri che fecero l'impresa, regia di Pupi Avati (2001)

La rivincita di Natale, regia di Pupi Avati (2004)

Tickets, regia di Ermanno Olmi, Ken Loach, Abbas Kiarostami (2005)

Nessun messaggio in segreteria, regia di Luca Miniero, Paolo Genovese (2005)

Ogni Giorno (cortometraggio) regia di Francesco Felli (2008)

Il bello del cinema italiano, regia di Giuseppe Aquino (2011), documentario

Linea gotica, regia di Stefano Giulidori (2012)

Culurzones, regia di Francesco Giusani (2013), cortometraggio

Chi salverà le rose?, regia di Cesare Furesi (2017)


InfoOggi.it Il diritto di sapere