• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

La speranza di una Calabria nuova e diversa nel romanzo “Le voci dell’eco”

Calabria > Catanzaro

LAMEZIA TERME (CZ) 2 DICEMBRE -  «La Calabria è una terra complicata   dove i giovani sono  costretti ad emigrare  per riscattare la propria condizione esistenziale oppure a inventarsi un’attività per potervi rimanere favoriti dalla sorte o dalla fortuna e talvolta dalla meritocrazia». Lo ha sostenuto la presidente del Centro Socio Culturale “Insieme” Lina Latelli Nucifero nel corso della presentazionedel romanzo “Le voci dell’eco” di Daniela Rabia, promossa dallo stesso Centro presso il Circolo di Riunione di Lamezia Terme.  Il problema dell’emigrazione, che affligge i giovani calabresi, e  il dilemma se andare altrove o restare   sono i temi dominanti che attraversano  il romanzo  “Le voci dell’eco” ambientato in paese immaginario della Calabria di 1500 abitanti, denominato  Speriolo dove un giovane  diciassettenne  Goy  sfida la sua terra, caricandosi di speranza e di orgoglio e tramutando  i suoi timori in  energica azione capace di fargli  superare tutte le difficoltà che ostacolano il raggiungimento di una sistemazione definitiva  nella propria terra. Goy insegue così il suo sogno di emigrare al Nord per costruirsi un futuro dopo aver compiuto i suoi studi in un istituto agrario.  

È lo stesso Goy che racconta in prima persona la sua travagliata storia popolata da personaggi che incrociano la sua vita incidendo profondamente nella sua decisione finale di rimanere nel proprio paese   di cui ascolta ciò che accade mediante le voci dell’eco che giungono  fino al  monte Eco che lo sovrasta. E da questo monte il protagonista vince la sua sfida principale che combatte nel suo animo per poi portarla nel mondo.  «Da qui – dice Goy - tramonta ogni giorno la mia voglia di esistere e risorge ogni mattina quella di resistere».  

«Ed è proprio sul monte Eco – ha commentato la presidente Lina Latelli Nucifero -  che Goy  tenta di  ricucire la frammentarietà del suo essere e del suo  non essere  sperando  di trovare   risposte  adeguate  alle sue aspettative  «da quelle nuvole così leggere ed eteree che mi fanno esprimere un desiderio ad alta voce: vorrei essere una nuvola grigiadi quelle piene di pioggia che lavano via le vostre miserie  e le vostre sciocche dicerie». Goy, introverso, non integrato nella vita del paese, insofferente delle dinamiche familiari, conta i giorni che lo separano dalla nuova vita a Milano fino a quando il miracolo dell’amore per Lucia, la sua compagna di classe e futura fidanzata, insieme agli  affetti familiari e dei compaesani,  gli fanno vedere in un’altra dimensione il piccolo borgo, chiuso nei pettegolezzi, cattiverie, ipocrisie, pregiudizi , diffidenza, avidità.

 Riscoperto il fascino della propria terra e motivato dall’amore, Goy apre un pub letterario grazie anche all’amore per i libri inculcatogli dalla professoressa di Italiano. Finalmente Goy trova la pace, il lavoro, gli affetti.  « Il libro - ha commentato la presidente – è utile, prezioso e puntuale nella ricostruzione del tessuto ambientale esaltato dalle  bellezze naturali, culturali, fisiche  e colto nelle  potenzialità di sviluppo della Calabria rischiarata dalla speranza di  una Calabria  nuova e diversa letta dall’autrice  non solo nelle sue negatività ma anche nelle sue positività ma soprattutto - ha concluso la presidente -  indagata attraverso l’atteggiamento critico   dei giovani calabresi, che sono i veri protagonisti del romanzo, nei confronti delle  difficili problematiche che l’attanagliano e soprattutto  animati dal desiderio di riscatto, valorizzzazione e rivisitazione di fonti di un possibile sviluppo e dalla speranza che  anche in Calabria possa sorgere il Sole per illuminarla e riscaldarla per sempre sotto l’egida  dello sviluppo e del progresso». Significativo ed interessante l’acceso  dibattito stimolato da puntuali domande  rivolte dalla presidente  Lina Latelli Nucifero all’autrice, a conclusione dell’incontro, incentrato sul tema dell’emigrazione dei giovani calabresi e dell’ immigrazione dei giovani stranieri, su eventuali coinvolgimenti dei politici e delle istituzioni, sulle cause  che  determinano  simili situazioni  e sulle possibili soluzioni. 

Foto: Lina Latelli Nucifero e Daniela Rabia