• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Ora è ufficiale. il Bovalino Calcio a 5 va A2cento all'ora!

Calabria > Reggio Calabria

BOVALINO (RC), 07 AGO - La notizia era ormai nell’aria da giorni, ma oggi è arrivata finalmente l’ufficialità da parte del Consiglio Direttivo della Divisione Calcio a 5 che, accogliendo l’istanza di ripescaggio presentata dalla squadra amaranto del Bovalino Calcio a 5 presieduta da Vincenzo Scordino, l’ha inserito nel nell’organico della prossima Serie A2 2020/2021.  

E’ un risultato “storico” ed  importante, non solo per la formazione amaranto perché nel volgere di un biennio riesce così a realizzare il doppio salto di categoria passando dalla serie C1 alla serie A2, ma lo è soprattutto per l’immagine di Bovalino e dell’intero territorio della locride, un territorio maledettamente difficile dov’è quasi impossibile emergere ed è  per questo che l’impresa della società reggina assume un valore dal sapore particolare. Ricordiamo che la stagione appena conclusa è stata, come tutto lo sport in genere, influenzato dall’emergenza sanitaria Covid-19, un virus in continua evoluzione che ha logicamente, ad un certo punto, costretto i vertici sportivi a  cristallizzare le classifiche ed agire di conseguenza. Il BC5, al momento dello stop occupava la seconda piazza con 34 punti dietro l’ormai lanciata Città di Cosenza che veleggiava verso una sicura promozione con ben 46 punti; il risultato è stato frutto di uno splendido girone di ritorno che ha visto gli uomini di mister Giovanni Venanzi imporsi a ripetizione sia in casa che in trasferta, con un crescendo tecnico-tattico di assoluto valore. Ora la buona notizia, la serie A2, che ripaga la società dei tanti sacrifici compiuti in tutti questi anni.

“Questo è un primo grande passo! –così il Presidente Scordino- Siamo una società sana, non solo sotto l’aspetto prettamente sportivo ma anche dal punto di vista economico e ciò lo ha ancora una volta certificato la Co.Vi.So.D che ci ha concesso il necessario nulla osta, avallando di fatto il nostro grande sogno che ora è diventato una realtà. La società, comunque, non è mai stata ferma ed in previsione di ciò che poi è effettivamente successo, ha mosso i passi giusti per allestire un roster competitivo ed all’altezza della nuova categoria. Siamo certi che con l’aiuto di tutti sapremo onorare al meglio questo nuovo scenario sportivo, un impegno che deve rappresentare per tutti un motivo di orgoglio ma anche di riscatto sociale”

Dopo il cambio di allenatore (dovuto esclusivamente a motivazioni di natura personale), a Bovalino è giunto lo spagnolo Miguel Calvache Munoz, un tecnico di assoluta esperienza ed un gruppo di atleti che vantano eccellenti trascorsi di categoria che si affiancheranno ai nostri giocatori che ci hanno consentito di raggiungere risultati brillantissimi e di cui siamo fortemente orgogliosi ” I volti nuovi, al momento, sono sei: Bruno Casagrande (Ultimo), Alessandro Gallinica (Pivot), Pablo Jose Chica Miranda (Universale), Christian Badalamenti (Laterale), Emanuele Runfolo (Pivot), Andres Alberto Panarotto (Laterale), che vanno ad affiancare i confermati: Alejandro Crivi (Pivot), Jose Villoria (Universale), Matheus Dias Rocha (portiere), Bruno Federico (laterale, capitano), Bruno Pio Scordino (Laterale) ed altri che verranno annunciati nei prossimi giorni. Euforico anche il Direttore Sportivo Mimmo Varacalli: “C’è fermento in paese ed un grande entusiasmo. Arrivano calcettisti d’esperienza e di sicuro affidamento (basti pensare a un bomber come Gallinica e un muro come Casagrande), e rimangono Crivi e Villoria che l’anno scorso si sono messi in mostra con giocate da capogiro. Bruno Federico, il nostro capitano, è insieme a noi dall’anno della fondazione (2008). È colonna portante e uomo spogliatoio. Anche in Serie A2 siamo certi che la nostra presenza si farà notare e sentire per la gioia dei nostri tifosi”  

Quindi, a Bovalino, euforia alle stelle per la lieta notizia e per l’organizzazione dei festeggiamenti che seppur condizionati dalle prescrizioni di distanziamento sociale non mancheranno.

(Pasquale Rosaci)