• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Ronaldo e Dybala fanno sorridere la Juve

Liguria > Genova

GENOVA, 13 DICEMBRE 2020- La Juventus vince a Genova e lo fa dopo una partita molto difficile, in cui é riuscita a ritrovare il gol di Paulo Dybala, alla prima rete in campionato, e un Ronaldo in versione killer. Per il portoghese doppietta di rigore e altre occasioni. Pirlo arriva a Genova dopo la splendida partita del Camp Nou, dove ha maltrattato i blaugrana. Il mister recupera Morata ma lo lascia in panchina. Attacco affidato ai due campioni Ronaldo e Dybala. A centrocampo confermato Bentancur con Mc Kennie, in difesa coppia centrale De Ligt- Bonucci. Il Genoa nella prima mezz'ora tiene bene il campo e subisce le folate di Chiesa e Cuadrado, riuscendo però a reggere l'urto. Al minuto 37 Cuadrado serve Dybala, che anziche' caricare il sinistro a giro, calcia sul palo di Perin. Gran sinistro e portiere battuto. Pirlo esulta con Dybala che corre in panchina ad abbracciarlo. Ma il vantaggio dura solo 3 minuti, perché Luca Pellegrini disegna un tracciante dalla sinistra, sul quale si lancia Sturaro, che calcia al volo e batte l'estremo difensore della Juventus. Pareggio e delusione sul volto di Pirlo. 

La Juventus però si riorganizza e nella ripresa inizia a macinare gioco. Cuadrado e Chiesa provano in tutte le maniere a vincere i duelli di fascia, e proprio su una giocata del colombiano, il Genoa si fa trovare impreparato: doppio passo di Cuadrado e il terzino dei grifoni fa fallo. Nessun dubbio e calcio di rigore. Ronaldo trasforma con freddezza dagli undici metri. La Juventus sente che il Genoa non ne ha piú, e inizia a giocare palla atterra per Morata e Ronaldo. A 3 minuti dalla fine arriva la giocata che chiude il match, con il secondo rigore di giornata per Ronaldo. Il portoghese, calcia ancora una volta centrale e batte di nuovo Perin. Ronaldo esulta, ora la Juve é lí, e spera nel passo falso del Milan che in serata affronterà il Parma a San Siro. Per ora Pirlo può dormire sogni tranquilli, sperando che domani, dal sorteggio, esca un avversario abbordabile.