Vigili del Fuoco a Pisa, per la conquista della “certificazione internazionale INSARAG”

4005
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CATANZARO, 27 SETTEMBRE - Si svolgerà a Pisa, dal 27 al 29 settembre e dal 7 al 9 novembre prossimi...

CATANZARO, 27 SETTEMBRE - Si svolgerà a Pisa, dal 27 al 29 settembre e dal 7 al 9 novembre prossimi, una doppia esercitazione che consentirà al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco di ottenere la certificazione internazionale INSARAG.

Un progetto che vedrà coinvolti circa 250 Vigili del Fuoco provenienti da tutta Italia. L'obiettivo è quello di ottenere, per le squadre USAR (Urban search and rescue), cioè quelle che intervengono nelle operazioni di ricerca e di salvataggio di dispersi sotto le macerie, questa certificazione internazionale che definisce una serie di linee guida di intervento.

 

Le esercitazioni, che si svolgeranno per una durata continuativa di 36 ore, prevede due fasi una pre-esercitazione dal 27 al 29 settembre e la seconda dal 7 al 9 novembre. Quest'ultima verrà valutata da commissari dell'Onu e si svolgerà di fronte ad osservatori internazionali oltrechè a rappresentanti del Ministero degli Esteri, di quello degli Interni e della Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il Dipartimento di Protezione Civile nazionale

Anche il personale USAR MEDIUM della Calabria parteciperà alle esercitazioni. 

Quindici unità dei cinque comandi sono partiti alla volta di Pisa per dare il proprio contributo. 

"Importante per una terra ad alto rischio sismico come la Calabria, spiegano i team leader del gruppo, ing Francesco Pascuzzi del comando di Crotone ed il vice team leader ispettore antincendi Massimo Conforti del comando di Catanzaro perché si tratta di un evento unico, difficilissimo nella sua organizzazione e dal quale potremmo trarre interessanti spunti tecnici che permetteranno al team Calabrese di accrescere le conoscenze, le competenze  e la professionalità che verranno messe al servizio della nostra regione.

InfoOggi.it Il diritto di sapere