La Nuova Frontiera dei Liberi&Forti non partecipa alle elezioni amministrative

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
LAMEZIA TERME (CZ) 10 OTTOBRE - Il Movimento La Nuova Frontiera dei Liberi&Forti di Lamezia Terme, p...

LAMEZIA TERME (CZ) 10 OTTOBRE - Il Movimento La Nuova Frontiera dei Liberi&Forti di Lamezia Terme, presieduto  da Carmela Dromì, comunica  la sua decisione di non prendere direttamente parte attiva alle elezioni amministrative del prossimo 10 novembre e di continuare ad operare all’insegna del pensiero di don Luigi Sturzo, da cui trae ispirazione, al fine di costruire ragioni di speranza per il futuro rimanendo sempre più libero e più forte. Fedele a questo obiettivo, il Movimento ha tentato con tutte le sue forze di costruire dei luoghi in cui la politica si configurasse come servizio e ricerca del bene comune.

In questi ultimi tempi il Movimento ha incontrato tutte quelle forze politiche  e associative che sembravano condividere «l’idea di costruire – afferma Carmela Dromì in un nota - un’area civica, plurale, espressione delle tante voci dell’associazionismo laico e cattolico, per contribuire a concretizzare una opportunità di crescita per la nostra città». Simile comunione di intenti certamente avrebbe dato voce ad una politica lungimirante, capace di affrontare e risolvere complessi problemi  nel confronto  con i numerosi  attori presenti nel territorio lametino. In linea con il Manifesto fondativo, «avremmo  voluto offrire – dichiara Carmela Dromì – il nostro contributo in maniera innovativa e  anche creativa, avremmo voluto contribuire al rinnovamento della politica, sollecitando e favorendo una sempre maggiore partecipazione alla vita pubblica e all’impegno sociale, ripensando alla politica come spazio privilegiato per la costruzione del bene comune, che significa il bene di tutti e di ciascuno, dove si riconosca il merito, si mettano a frutto i talenti, si creino organi di governo della cosa pubblica formati da persone competenti».

Foto: Carmela Dromì

Lina Latelli Nucifero

InfoOggi.it Il diritto di sapere