Torino, 70enne strangola il figlio con un cavo del pc e chiama i Carabinieri: “Venite a prendermi"

256
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 15 GENNAIO – Dramma familiare a Sant’Antonino di Susa (Torino), dove un pensionato di 70...

TORINO, 15 GENNAIO – Dramma familiare a Sant’Antonino di Susa (Torino), dove un pensionato di 70 anni, nel pomeriggio di ieri, ha ucciso il figlio adottivo, di anni 36, e poi ha chiamato i Carabinieri confessando il crimine di cui si era macchiato. 

Erano circa le 16 quando tra l’uomo, un dentista in pensione, e suo figlio sarebbe nato l’ennesimo diverbio. Il settantenne ha strangolato la vittima con un cavo del computer e poi ha chiamato i Carabinieri: “Ho ucciso mio figlio, venite a prendermi”. Queste le parole pronunciate dal pensionato per autodenunciarsi. 

All’arrivo dei Carabinieri e dei soccorsi del 118, per la vittima non c’era nulla da fare se non decretarne il decesso. Da una prima ricostruzione dei fatti, l’omicidio sarebbe avvenuto al culmine di un litigio e, secondo le deposizioni raccolte, pare che negli ultimi tempi padre e figlio avessero numerosi scontri verbali. Il trentaseienne soffriva da molto tempo di depressione. 

L’autore del gesto è stato arrestato con l’accusa di omicidio. Si indaga per capire il movente e le cause del comportamento omicidiario. 

Luigi Cacciatori 


InfoOggi.it Il diritto di sapere