• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Una De Andrè all'Isola dei Famosi. Perchè?

Puglia

LECCE, 25 GENNAIO - De Andrè all' Isola dei Famosi, cioè come unire con una preposizione due soggetti assolutamente contrapposti: da un lato il cognome del più grande cantautore che l'Italia (e il Mondo) abbiano mai conosciuto e dall'altro il titolo del programma più trash della televisione.
Eppure è così, seppure con le dovute (e necessarie) precisazioni: a partire per il solito arcipelago sperduto dell'Honduras sarà Francesca, la nipote di Fabrizio, figlia di Cristiano.[MORE]

Lei, ventenne timida, bellissima ed elegante farà parte della squadra dei “figli di”, in compagnia - tra gli altri - della mamma di Valeria Marini, del figlio di Brigitte Nielsen e (ciliegina sulla torta o sulla bandiera tricolore) del pronipote di Garibaldi, giusto per festeggiare i 150 anni dell'Unità d'Italia.
«A papà l'ho detto solo due giorni fa, gli ho mandato un sms. Lo so, un po' in ritardo. Mi aspettavo che la prendesse male, invece era felice come una pasqua» diceva la futura naufraga.

«No, non sono molto felice che mia figlia vada all'Isola - dice invece Cristiano, intervistato oggi -. Lei sa cantare bene e quella forse non è la trasmissione adatta. Poi ho ereditato da mio padre la diffidenza verso certi programmi e all'apparire in generale. Se Francesca ha talento ci sono altri modi per esprimerlo. Ha una vocazione artistica, ma non capisco esattamente cosa vuol fare e forse non lo sa esattamente neanche lei. Però ha 20 anni e non voglio giudicare le sue scelte in un'età in cui comunque è permesso sbagliare».
Ora il dubbio sorge spontaneo: o tra i due c'è qualche difetto di comunicazione oppure per ciascuno le parole assumono significati contrapposti perchè non si può essere felici come una pasqua e contemporaneamente non esserlo.

La nonna della ragazza e vedova del compianto Faber spera si sia trattato di una scelta ingenua:
«Sono chiamati lì per il loro nome, anzi il cognome, che portano, non per quello che sono in realtà come persone. Secondo me poi Francesca non si rende conto della durezza dell'esperienza come la mancanza di cibo e di sigarette (lei è una fumatrice). In ogni caso la cosa importante è non metterla giù troppo dura. Se è un errore si tratta di un errore lieve e rimediabile».

Di sicuro Francesca vorrebbe poter dire al nonno che in questa durissima scelta di vita vorrebbe averlo accanto: «Mi piacerebbe averlo vicino anche ora. Le sue canzoni alimentano la mia filosofia di vita».
Ecco, bisognerebbe forse ricordare alla giovane ragazza che suo nonno era Fabrizio De Andrè. E non un Marco Carta qualsiasi.

[in foto, Francesca De Andrè. Fonte: http://tv.excite.it]